Seguici su

Cronaca

Blitz di Casapound in Consiglio regionale. La politica: “Attacco alla democrazia”

Ferme le condanne della politica, con in testa il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin

Pubblicato

on

TRIESTE – Una decina di militanti di CasaPound ha fatto irruzione oggi in Consiglio regionale dove era in corso la seduta di una commissione che discuteva di migranti.

I simpatizzanti sono entrati senza essere fermati, e con le mascherine al volto, hanno urlato ai consiglieri presenti di “fare qualcosa” per frenare l’arrivo dei migranti, “invece di stare sempre a discutere”. In un video girato dalle telecamere della Regione si vedono i militanti discutere infine con un leghista sceso dagli scranni, Antonio Calligaris, il quale, si è lasciato sfuggire una frase poco felice: “Ai migranti sparerei tranquillamente”.

Ferme le condanne della politica, con in testa il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin: “Mi sono già attivato presso la questura di Trieste per presentare regolare denuncia affinché quanto accaduto questa mattina, durante i lavori di una delle Commissioni consiliari, non resti impunito. Aver interrotto i rappresentanti di una istituzione nello svolgimento dei propri compiti è un fatto inaccettabile, una ferita inaudita alla democrazia e alla libertà che il Consiglio regionale garantisce all’intera comunità. Oltre al fatto che è doveroso che sia assicurata la tutela dei consiglieri e di chi si trova a Palazzo”.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Commenti recenti

informazioni pubblicitarie