Seguici su

Cronaca

Nuova ordinanza di Fedriga: stop a corse e passeggiate fino al 3 aprile

Tra le misure adottate lo scorso giovedì anche la chiusura domenicale di tutte le attività commerciali di qualsiasi natura, fatte salve le farmacie, le parafarmacie, le edicole

Pubblicato

on

UDINE – Il governatore della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha emanato un’altra ordinanza per confermare, anche alla luce delle disposizioni contenute nel provvedimento approvato dal Ministero della Salute, le misure assunte il 19 marzo in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Lo annuncia la Regione.

Nulla cambia – precisa la Regione – rispetto al quadro già in vigore, la cui validità cesserà, salvo proroghe o ulteriori modifiche, il 3 aprile prossimo. Tra le misure adottate lo scorso giovedì anche la chiusura domenicale di tutte le attività commerciali di qualsiasi natura, fatte salve le farmacie, le parafarmacie, le edicole. Stop inoltre allo svolgimento, all’aperto in luoghi pubblici, di attività motorie o sportive e passeggiate, anche in forma individuale.

Sostieni Diario FVG

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Diario FVG lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Per questo Diario FVG ha ancora più bisogno di te e del tuo sostegno: basta anche un piccolo contributo per aiutarci a superare la grave crisi che ha colpito l'economia italiana e il conseguente crollo della raccolta pubblicitaria. Grazie!

PayPal
1 Commento

1 Commento

  1. Michele Marcolin

    Marzo 23, 2020 at 12:31 am

    Ripeto. Sono assurdità. Tanto poi il giorno dopo la quantità di gente che uscirà e si concentrerà intorno ai negozi sarà ancora maggiore. Queste misure causano solo stress e panico. E portando la gente all’esasperazione, finisco con il spingere la popolazione ad ignorare le disposizioni. Non si può mettere in quarantena un paese. Proprio il concetto di quarantena in quel modo è scientificamente errato (è possibile solo in Cina che è un paese autoritario e non ha rispetto per il valore della vita dell singolo). Nessun altro paese lo ha fatto con successo. Sono sufficienti le mascherine e i disinfettanti. E tracciare la diffusione dei casi noti. E lo dimostra il fatto che i numeri continuano ad aumentare. Qui in Giappone non è più una emergenza, per quanto tutti stiano ancora attenti. Ma siamo tutti fuori, al lavoro, al ristorante, bar, in treno (anche pieno) alla faccia del metro di distanza (quello si che non ha fondamento scientifico).

Tu cosa ne pensi?

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Commenti recenti

informazioni pubblicitarie
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: