Seguici su

Cronaca

Inaugurata a Codroipo la nuova autostazione: sarà il centro intermodale del Medio Friuli

La struttura è stata dedicata ad Attilio Collavini, pioniere nel Friuli Venezia Giulia del Tpl

Pubblicato

on

CODROIPO – “Con l’inaugurazione dell’autostazione, che si trova accanto alla stazione ferroviaria nel cuore della città, Codroipo e il Medio Friuli dispongono ora di un polo intermodale dei trasporti che favorirà ulteriormente l’utilizzo dei mezzi alternativi all’automobile, offrendo un contributo importante alla transizione verso una modalità di spostamento delle persone più sostenibile, attraverso la ferrovia o il Tpl, nel segno degli orientamenti della ‘green economy’. Lo ha messo in luce l’assessore regionale alle Infrastrutture e al territorio, Graziano Pizzimenti, intervenendo a Codroipo all’inaugurazione dell’autostazione realizzata in piazzale Oberdan.

L’investimento da parte della Regione è stato di un milione e 100 mila euro su una spesa complessiva di oltre un milione e 870 mila euro, e sta a rilevare l’attenzione dell’Amministrazione nei confronti della logistica e degli spostamenti sul territorio. L’investimento rientra nel budget complessivo di oltre 100 milioni di euro stanziati dalla Giunta regionale per la realizzazione di infrastrutture destinate alla diffusione e al consolidamento della rete di servizi di trasporto pubblico sul territorio: un’azione che andrà a vantaggio dei cittadini, e come in questo caso, delle comunità locali su un’area vasta”.
L’opera rende concreto un nodo intermodale attraverso il quale, ha ribadito Pizzimenti – “si pongono le condizioni affinché un numero sempre più elevato di persone possa fruire dei servizi del trasporto integrato gomma-rotaia, anche raggiungendo le due strutture adiacenti in auto e fruendo dei parcheggi a disposizione”.
“Scegliere di muoversi tramite il Tpl – ha aggiunto l’assessore regionale – per le esigenze della persona, per raggiungere il posto di lavoro o la scuola come pure l’università, significa alleggerire le strade del traffico spesso sostenuto, e ridurre i costi degli spostamenti, eliminando nel contempo lo stress che può essere generato dalla necessità di affrontare e superare il traffico quotidiano. Favorire la transizione degli spostamenti dall’auto privata ai mezzi pubblici, è un obiettivo che la Regione si pone nell’ottica di abbattere i costi dei trasporti e di ridurre le fonti di inquinamento”.

“Infine – ha concluso Pizzimenti – non va dimenticato che un sempre maggior numero di ospiti del Friuli Venezia Giulia, protagonisti del cosiddetto “turismo slow”, fruendo dei mezzi pubblici, raggiunge e frequenta le nostre città d’arte e i luoghi simbolo della nostra cultura. La rete di piste ciclabili presenti nel territorio consentono poi il raggiungimento di altre località di grande interesse come ad esempio, in questo caso specifico, Villa Manin di Passariano”.
Al termine della cerimonia, dopo il taglio del nastro assieme al sindaco di Codroipo Fabio Marchetti e ai primi cittadini dell’area, Pizzimenti ha partecipato allo scoprimento di una targa dedicata ad Attilio Collavini (al quale è stata intitolata l’autostazione), pioniere nel Friuli Venezia Giulia del Tpl, protagonista della transizione del trasporto persone su gomma e capostipite di una famiglia che ha iniziato nel 1861 l’attività del trasporto locale, attraverso la quale, come ha concluso l’assessore – “si può leggere la Storia d’Italia”.