Seguici su

Cronaca

Housing sociale, pronti 66 nuovi alloggi in via Biella

Il Fondo Housing Sociale Fvg, gestito da Finint Investments Sgr, mette a disposizione nuovi alloggi sociali destinati prevalentemente alla locazione a un canone calmierato e in quota parte alla vendita convenzionata

Pubblicato

on

UDINE – È stata inaugurata oggi a Udine, in via Biella, l’iniziativa “Borc de Roe” del Fondo Housing Sociale Fvg che rende disponibili 46 nuovi alloggi, sviluppati su due edifici disposti a L, con al centro un’ampia corte interna che ospita l’edificio destinato alla collettività dei residenti. Questo nuovo intervento del Fondo Housing Sociale Fvg ha la particolarità di essere l’edificio residenziale in legno più alto del Friuli, costruito completamente in legno certificato Pefc, cioè derivante da foreste gestite in maniera sostenibile. L’inaugurazione – presenti, tra gli altri, l’assessore regionale Graziano Pizzimenti, il vicesindaco di Udine Loris Michelini e il direttore generale di Confindustria Udine, Michele Nencioni – è stata l’occasione per il Fondo Housing Sociale Fvg di comunicare anche la fine dei lavori di costruzione dell’intervento “Villa Olimpia”, in via Menegotti (laterale di Viale dello Sport), dove sono stati realizzati 20 nuovi alloggi. L’intervento “Villa Olimpia” completa il progetto denominato “Villaggio dello Sport” per un totale di 61 nuovi alloggi sociali, dove i nuovi 20 alloggi vanno a sommarsi ai primi 41 dell’iniziativa “Villa Eracle”, già disponibili dall’estate scorsa.

Gli interventi di housing sociale, che prevedono di destinare gli alloggi prevalentemente alla locazione e, in quota residuale, alla vendita convenzionata, si rivolgono a quella fascia di popolazione che non riesce a soddisfare il proprio fabbisogno abitativo accedendo al libero mercato ma allo stesso tempo non possiede nemmeno i requisiti per accedere all’edilizia pubblica popolare. Gli alloggi saranno assegnati attraverso la raccolta delle manifestazioni di interesse che potranno essere presentate fino al 26 novembre prossimo, attività curata dal gestore socio-immobiliare Casa Fvg. Nell’avviso per la raccolta delle manifestazioni di interesse saranno indicati i criteri per l’assegnazione ai richiedenti, tra cui quello riferito alla capacità economica (Isee non superiore a 45.000 euro) e quelli soggettivi previsti dalle convenzioni con il Comune di Udine. Gli alloggi disponibili, tutti dotati di posto auto esterno e di cantina di pertinenza, sono 17 mini, 44 bicamere e 5 tricamere e sono disponibili per la locazione con canoni a partire da 395 euro per i mini, 490 euro per i bicamere e 690 euro per i tricamere (a seconda delle metrature). Gli alloggi rispettano elevati standard energetici (tutti classe A4, oltre ad essere stati classificati CasaClima) anche grazie alla presenza degli impianti fotovoltaici.

Piero Petrucco, presidente del Consorzio Housing Sociale Fvg e amministratore delegato di Icop Spa, l’impresa di costruzioni che ha eseguito i lavori: “Questo intervento sposa in pieno la logica della sostenibilità in tutti i suoi aspetti. Si tratta, infatti, di un edificio di classe energetica elevata, realizzato in legno, con contenuti di inclusione sociale, la cui edificazione è stata possibile grazie a uno strumento di finanza sostenibile, quello dell’housing sociale. La somma di queste caratteristiche rappresenta motivo di grande soddisfazione per noi e, credo, sia molto significativa anche per la città. Un pizzico di soddisfazione, dal punto di vista costruttivo, è rappresentato anche che dal fatto che si tratta dell’edificio residenziale in legno più alto costruito in Friuli”. Lidia Rotondi, fund manager di Finint Investments Sgr: “Attraverso questi due nuovi interventi, il Fondo Housing Sociale Fvg mette a disposizione delle famiglie di Udine nuovi alloggi realizzati rispondendo a molteplici esigenze. Oltre a rispondere al fabbisogno abitativo ad un costo accessibile, offriamo al mercato di Udine appartamenti nuovi, con finiture del tutto paragonabili al residenziale a libero mercato, a basso consumo energetico e realizzati secondo criteri sostenibili e affidando tutti i lavori a imprese del territorio”. Loris Michelini, vicesindaco del Comune di Udine: “I 66 appartamenti del Fondo Housing Sociale Fvg inaugurati oggi in via Biella e in via Menegotti rappresentano una risposta concreta alle nuove necessità di una classe media sempre più esposta alle incertezze del momento storico attuale e che corre il rischio di vedersi esclusa sia dall’edilizia pubblica popolare che dai prezzi di mercato. Alla qualità delle abitazioni, costruite con materiali sostenibili e a basso consumo energetico, si aggiunge la realizzazione di spazi destinati al verde e alla socialità, in modo da chiudere virtuosamente il cerchio di una dimensione che da abitativa diventa sociale, fino a creare dei veri e propri villaggi in città. Un grazie, da parte di questa Amministrazione, va al Fondo Housing Sociale Fvg per questi importanti investimenti che già in altre parti della città stanno dando ottimi risultati”. Graziano Pizzimenti, assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio: “Da parte della Regione va il plauso per queste iniziative che danno ai cittadini la possibilità di avere una casa, in affitto o in proprietà, ad un prezzo inferiore a quello del libero mercato. In questi ultimi anni, soprattutto alla luce degli eventi che ci hanno coinvolto, sono molti i nuclei familiari in difficoltà. Questo tipo di soluzione inoltre, prevedendo spazi condivisi, facilita l’inclusione e la coesione sociale che sono sempre importanti ma lo sono ancora di più in un momento difficile come quello in cui stiamo vivendo ora e che ha reso la solitudine una condizione reale per molti”.