Seguici su

Gorizia

Manovra di assestamento da 100 milioni di euro: fondi a Comuni, università e aziende sanitarie

La novità più rilevante riguarda l’annosa vicenda del Consorzio per lo sviluppo industriale Aussa Corno

Pubblicato

on

FVG – La manovra di assestamento autunnale mette in gioco – come spiegato dall’assessore alle Finanze, Barbara Zilli – più di 100 milioni. Ecco i principali interventi previsti, settore per settore.

ATTIVITÀ PRODUTTIVE. La novità più rilevante riguarda l’annosa vicenda del Consorzio per lo sviluppo industriale Aussa Corno: viene sancito che non sono esigibili i crediti vantati dalla Regione nei confronti dell’organismo, da tempo commissariato: si tratta di 33 milioni. Sono stati inoltre disposti contributi al Collegio regionale degli operatori sulle piste da sci (21mila euro per completare i corsi teorico pratici) e sono state ammesse a finanziamento le spese del Catt Fvg per il programma di ammodernamento del settore terziario.

AMBIENTE. Un ufficio speciale e un commissario straordinario per garantire i dragaggi dei fondali delle aree portuali di San Giorgio di Nogaro e di Marano Lagunare, nonché l’approfondimento dei fondali del porto di Monfalcone: l’Assestamento bis destina a questo scopo una spesa complessiva di 660mila euro fino al 2023. L’altra importante novità riguarda la definizione dei criteri per localizzare e realizzare nuovi impianti fotovoltaici a terra, che preserva una serie di aree di interesse naturale, paesaggistico e agricolo. Un emendamento della Giunta assegna 2,5 milioni per estendere l’intervento di realizzazione dell’impianto fotovoltaico nell’aeroporto di Ronchi dei Legionari. Sempre tramite un emendamento, è stato approvato anche un contributo di 180mila euro a La Quiete per rimuovere l’amianto nell’area dell’ex caserma Reginato in borgo Pracchiuso a Udine.

AGRICOLTURA. Il ddl dispone una serie di facilitazioni nell’erogazione di incentivi e dispone che gli aiuti erogati dal Fondo di rotazione per interventi nel settore agricolo vengano concessi previa verifica dei soli requisiti soggettivi del beneficiario. Da parte dell’Etpi viene inoltre garantita anche la copertura assicurativa degli operatori ittici volontari.

TERRITORIO E TRASPORTI. La Regione conferma il precedente contributo di 115.300 euro, e aggiunge ulteriori 300mila euro da destinare al Comune di Pradamano per l’intervento di ripristino dell’agibilità dell’edificio Ex latteria. Viene inoltre disposto un contributo straordinario di 1 milione alla Società Interporto di Trieste per maggiori oneri legati al programma di interventi infrastrutturali. Con un emendamento di Giunta, sono stati autorizzati ulteriori trasferimenti agli Edr per interventi relativi all’edilizia scolastica: si tratta di 700mila euro per Gorizia, 3 milioni e 950mila euro per Pordenone, 4 milioni per Trieste e 5 milioni per l’Edr di Udine. Concessi infine 2 milioni e 247mila euro a 24 Comuni per la copertura dei costi di trasporto scolastico dopo le inadempienze dell’appaltatore.

CULTURA E SPORT. La Regione mette a disposizione di Informest poco più di 1 milione di euro per scorrere la graduatoria delle proposte legate al progetto europeo Diva. Il Comune di Udine potrà poi destinare le economie legate ai lavori per lo stadio Friuli, pari a 700mila euro, all’intervento di manutenzione straordinaria della pista di atletica Dal Dan. Viene infine confermato il contributo concesso nel 2018 al Comune di Ravascletto per la manutenzione degli impianti sportivi.

ISTRUZIONE E LAVORO. Viene concesso all’Agenzia regionale per il diritto allo studio un contributo straordinario per la continuità dei servizi convittuali a favore degli studenti. Supporto anche alle Università della terza età e della libera età, che potranno ottenere contributi anche in caso di mancata o parziale realizzazione delle attività istituzionali, rese più complesse dall’emergenza Covid. Riguardo alle politiche attive del lavoro, viene ampliata l’ammissibilità degli incentivi non ancora definiti alla fine del 2021: per questi interventi vengono destinati 7,5 milioni.

SALUTE. Il cosiddetto Assestamento bis integra con 2,6 milioni il budget per le spese sanitarie. Stanziati inoltre 120mila euro di contributi straordinari alle Aziende pubbliche di servizi alla persona (Asp). La manovra prevede inoltre, all’interno del regolamento di accreditamento dei servizi per anziani non autosufficienti, una fase transitoria di tre anni durante i quali il via libera verrà concesso dalla Regione.

EDITORIA. Assegnati per il prossimo triennio 738mila euro alle emittenti radiotelevisive con sede legale e operativa nel territorio regionale.