Seguici su

Cronaca

Opera da 14 milioni a Martignacco per la salvaguardia della risorsa idrica

L’assessore Zannier: “L’utilizzo intelligente dell’acqua è indispensabile e per fare agricoltura oggi è necessario evitare gli sprechi”

Pubblicato

on

MARTIGNACCO – “La salvaguardia dell’acqua è un investimento per la tutela dell’ambiente ma è anche un investimento economico. Oggi registriamo una tensione internazionale con una richiesta importante di gas, una fonte di energia necessaria ma con costi elevatissimi. Se dovessi fare una previsione, in futuro, ci troveremo davanti allo stesso problema che abbiamo oggi con il gas, con l’acqua che è anche fonte di energia e va salvaguardata. La risorsa idrica sarà uno degli asset strategici  per lo sviluppo di un territorio”. Lo ha detto il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga in apertura della tavola rotonda ‘I cambiamenti climatici e i rischi per l’agricoltura’, organizzata dal consorzio di bonifica Pianura Friulana, nell’ambito della settimana nazionale della bonifica, alla Fiera di Udine con la partecipazione dell’assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Stefano Zannier e del ministro alle Politiche agricole, alimentari e forestali Stefano Patuanelli.
Fedriga ha ricordato che nel nostro Paese mancano materie prime “ma ne ha una, l’acqua, che va tutelata e valorizzata” e ha sottolineato il ruolo dei consorzi di bonifica “un ruolo strategico per lo sviluppo del Paese, la Regione è a fianco di chi opera per la crescita del territorio”.

L’evento è stato preceduto dalla cerimonia a Martignacco dell’avvio dei lavori con la posa della prima pietra presso il canale principale alla presenza, fra gli altri, del ministro alle Politiche agricole, alimentari e forestali Stefano Patuanelli, del sindaco di Martignacco Gianluca Canali, di Rosanna Clocchiatti presidente del Consorzio di bonifica Pianura Friulana e dell’assessore alle Infrastrutture e Territorio del Friuli Venezia Giulia Graziano Pizzimenti e del presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin. Si tratta di un’opera che prevede la ricostruzione della struttura dalla strada comunale Martignacco-Faugnacco sino al ponte antistante i padiglioni dell’Ente Fiera, per uno sviluppo lineare pari a 4.650 metri con un intervento finanziato dal ministero delle Politiche agricole, Alimentari e forestali, per un importo di 14 milioni di euro.
Dal canto suo Zannier ha espresso soddisfazione per l’avvio dei lavori “che si inserisce – ha detto – in un contesto di opere che verranno realizzate da adesso in avanti sia per mantenere in efficienza il sistema irriguo regionale sia per l’adeguamento alle nuove necessità dettate dal cambiamento climatico. Il risparmio della risorsa idrica è prioritario, l’utilizzo intelligente dell’acqua è indispensabile e per fare agricoltura oggi è necessario evitare gli sprechi, impiegare l’acqua in modo intelligente”.

Zannier ha rimarcato come l’intervento nasce proprio per evitare le dispersioni rispetto ad una canalizzazione realizzata 140 anni fa tenendo conto non solo del risparmio ma anche dell’impatto paesaggistico.
L’assessore regionale ha evidenziato anche il sostegno della Regione nel contrasto degli effetti negativi del cambiamento climatico sulle produzioni in agricoltura: “ammontano a 10 milioni di euro gli investimenti all’anno nel sistema della rete irrigua per ammodernarla, risorse che accanto agli strumenti della programmazione comunitaria di gestione regionale consentono alle aziende di usare l’acqua in modo puntuale e averla a disposizione anche quando scarseggia. La vera sfida sarà quella di utilizzare le nuove risorse per un cambio epocale nel trasporto e nella distribuzione dell’acqua”.