Seguici su

Cronaca

Digitale, solo una scuola su due in Fvg collegata alla rete pubblica regionale

L’assessore Rosolen ha illustrato in commissione il Programma regionale per la scuola digitale 2021-2023

Pubblicato

on

FVG – È un corposo documento che analizza la situazione attuale, assegna obiettivi e distribuisce risorse. Parliamo del Programma regionale per la scuola digitale 2021-2023 illustrato dall’assessore Alessia Rosolen, titolare delle deleghe all’Istruzione, ai consiglieri della VI Commissione, riuniti in aula sotto la presidenza di Giuseppe Sibau (Progetto Fvg/Autonomia responsabile).
Il piano approvato dalla Giunta si propone “di migliorare il percorso legato alle infrastrutture e alla connettività interna ed esterna delle scuole”, ma promuove anche le tecnologie digitali come strumento didattico e si occupa del benessere digitale degli studenti. Tra gli obiettivi ricordati da Rosolen ci sono anche il miglioramento della banda disponibile e il potenziamento del cablaggio nelle scuole.

L’assessore ha fatto il punto sulla percentuale di scuole collegate alla rete pubblica regionale, attualmente il 50 per cento delle superiori, il 49% delle medie e una quota più bassa di primarie e scuole dell’infanzia. Anche su questi aspetti si vuole migliorare, tramite nuove risorse finanziarie messe a disposizione dalla Giunta che si affiancheranno a quelle previste dal Pnrr.
Rosolen ha parlato anche dell’esigenza di individuare un soggetto che si occupi di manutenzione, e ha ricordato l’assunzione di 19 esperti in digitale. Assistenza e consulenza verranno comunque garantite agli istituti scolastici anche in tema di cyberbullismo e benessere digitale dei giovani. C’è poi l’apertura a sistemi di free e open source, una novità che ha ricevuto l’esplicito apprezzamento del consigliere di Open Sinistra Fvg, Furio Honsell.

Il presidente Sibau ha invece chiesto se gli esperti insegneranno al corpo docente il corretto uso del digitale, e gli è stato risposto che le singole autonomie scolastiche potranno decidere di inserire anche gli insegnanti nei previsti percorsi di formazione.