Seguici su

Eventi

Cucina e arte si fondono a Verzegnis: il 2 ottobre c’è “Pranzo al parco”

Sarà possibile assaggiare i piatti di “gustoCarnia” en plen air, nell’area verde di Marzona

Pubblicato

on

VERZEGNIS – Arte ed enogastronomia si fondono per l’evento “Pranzo al parco”, in programma sabato 2 ottobre a Verzegnis. A incontrarsi saranno i piatti della tradizione proposti dai ristoranti aderenti alla rete “gustoCarnia” promossa da Confcommercio Udine e le opere en plein air che arricchiscono l’Art Park.

Il programma della giornata prevede, alle 11.30, la visita guidata alle opere presenti nell’area verde e a quelle della collezione privata di Egidio Marzona, tedesco di nascita ma con radici carniche. E’ considerato uno dei primi collezionisti di minimal art, land art, arte concettuale e arte povera della Germania. Una passione che nel corso degli ultimi trent’anni ha fatto arrivare a Verzegnis installazioni e opere di grandi artisti del XX secolo, creando un parco unico nel suo genere per l’armonia creatasi tra l’ambiente costruito e la natura circostante.
A seguire ci sarà un pranzo all’aperto con i prodotti dei presìdi Slow Food del Friuli Venezia Giulia, con musica e attività per i più piccoli.

Il pranzo, coordinato da Daniele Cortiula, vedrà protagonisti i ristoranti Al Sole di Forni Avoltri, Gardel di Arta Terme, RiglarHaus di Sauris e l’antica osteria Stella d’Oro di Verzegnis. Tra le pietanze che saranno preparate ci sono il crostino con Varhackara, il frico, i formaggi, la polenta, la mousse di cipolla di Cavasso con carpaccio di manzo e crostolo salato al caffè, l’insalata di cappuccio, patate e pitina, il flan di fagioli con formadi frant e striscioline di speck di Sauris. Non mancherà il dolce: una vera opera d’arte realizzata da Ugo Pittino, pasticcere paluzzano, storico titolare della pasticceria Saint Honorè di Tolmezzo.
Il biglietto per partecipare all’evento (il costo il costo è di 35 euro per gli adulti, 20 euro per i bambini fino ai 12 anni) è acquistabile solo online sul sito www.gustait.com.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?