Seguici su

Cronaca

Dalle 300 varietà di peperoncino ai vitigni bio: ecco gli Oscar Green in Fvg

«Anche quest’anno abbiamo centrato l’obiettivo di fare emergere le buone pratiche in agricoltura», commenta il direttore Magalini

Pubblicato

on

UDINE – La trasformazione di 300 varietà di peperoncino, la cooperativa dei sapori che si reinventa durante la pandemia, la coltivazione biologica di vitigni autoctoni in altopiano, la barretta prodotta da una rete di imprese, l’inclusione sociale in azienda, il progetto di tutela dell’arnica montana. Sono i sei progetti che Coldiretti Giovani Impresa Fvg (uno, quello a tutela dell’arnica, pure finalista nazionale) ha premiato nell’edizione 2021 di Oscar Green, la quindicesima edizione del concorso promosso da Coldiretti Giovani Impresa nazionale e patrocinato dal ministero delle Politiche agricole che riconosce l’innovazione, valorizza i progetti dei giovani imprenditori e promuove l’agricoltura di qualità.

A ricevere il premio, nella Loggia del Lionello di Udine – presenti l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari Stefano Zannier, il sindaco di Udine Pietro Fontanini, il delegato confederale Coldiretti Fvg Giovanni Benedetti, il direttore regionale Cesare Magalini, il presidente nazionale Giovani Impresa Coldiretti Veronica Barbati, il presidente regionale Giovani Impresa Coldiretti Fvg Anna Turato, la responsabile Donne Impresa Fvg Lorena Russian, presidenti e direttori provinciali Coldiretti –, Filippo Bortolon di B-Orto Peppers (categoria Impresa digitale), Alice Crepaldi-Cooperativa dei sapori e del gusto di Gorizia (Campagna Amica), Deborah Gelisi-Terre dei Fradej di San Quirino (Creatività), Alc di Bon di Aquileia (Fare rete), istituto Il Tagliamento di Spilimbergo (Noi per il sociale) e Andrea Muner-Armo 1191 di Roveredo in Piano (Sostenibilità e transizione ecologica).

«Anche quest’anno abbiamo centrato l’obiettivo di fare emergere le buone pratiche in agricoltura – commenta con soddisfazione il direttore regionale della Coldiretti Fvg Cesare Magalini –, riusciti esempi di passione per il lavoro, inventività, capacità imprenditoriali». «Questo concorso – aggiunge la presidente Coldiretti Giovani Impresa Fvg Anna Turato – è una vetrina per tutti i giovani che valorizzano il nostro territorio e una fotografia di come si possa promuovere l’agricoltura sana ed ecosostenibile nel rispetto delle regole e con uno sguardo rivolto al futuro».