Seguici su

Cronaca

Chiusa l’edizione 2021 di Friuli Doc. Franz: “Evento elegante, ordinato e sicuro”

La kermesse di quest’anno sarà ricordata per l’obbligo di Green pass e per il centro vaccinale allestito a palazzo D’Aronco

Pubblicato

on

UDINE – E’ calato il sipario sull’edizione 2021 di Friuli Doc, che sarà ricordata per l’obbligo di Green pass e per il centro vaccinale allestito a palazzo D’Aronco. Partiamo da qui: in tre giorni sono state 174 le persone che hanno scelto di farsi immunizzare dal Covid. Un buon risultato, reso possibile dalla sinergia tra Comune, AsuFc e Regione Fvg.

Sul fronte delle presenze, i numeri pre Covid restano un lontano ricordo. Ma non a tutti dispiace, visto che le aree della festa, grazie agli ingressi con il Green pass, sono apparse più ordinate. Non si è vista, in sostanza, la fastidiosa calca degli anni passati. Facendo un confronto con il 2020, gli operatori presenti si sono detti soddisfatti, e contento di chiara anche l’assessore comunale ai Grandi eventi, Maurizio Franz: «Tutto si è svolto con attenzione e nel rispetto delle regole – prosegue – e anche gli eventi organizzati hanno ottenuto un buon riscontro. Ringrazio gli operatori che hanno dovuto sobbarcarsi uno sforzo ulteriore servendo le persone ai tavoli, l’Università e le categorie economiche per le proposte di livello offerte durante la kermesse, le forze dell’ordine per il lavoro messo in campo».

Ora la città si prepara ad accogliere altri due grandi eventi: Ein Prosit e la mostra d’arte in Casa Cavazzini.