Seguici su

Cultura

Suns Europe: arriva il concertone in Castello!

Ci saranno i friulani Brût&Madone, la sarda Daniela Pes (accompagnata da Mario Ganau), ma anche i baschi Liher, Land of Maybe dalle Isole Fær Øer e il Cantone dei Grigioni con Ursina

Pubblicato

on

UDINE – Continua il viaggio della ‘Babele’ di lingue, suoni e contaminazioni di Suns Europe, festival delle arti in lingua minorizzata organizzato dalla cooperativa Informazione Friulana, editrice di Radio Onde Furlane, col sostegno finanziario della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, dell’ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, del Comune di Udine, della Fondazione Friuli e la collaborazione dell’Istituto Basco Etxepare e di numerosi soggetti pubblici e privati, locali e internazionali.

IN CASTELLO – La principale rassegna europea delle arti nelle lingue minoritarie dà appuntamento a Udine per il più atteso dei suoi appuntamenti: il Concertone, che quest’anno sarà ospitato dal piazzale del Castello, il 31 luglio, dalle 21. A presentare cantanti e gruppi saranno Patrick Platolino e Marianna Fernetich, volti emergenti del panorama teatrale friulano che accompagneranno il pubblico alla scoperta di un volto meno noto dell’Europa, ma che grazie al Festival è stato possibile iniziare a scoprire. Suns Europe, infatti, si pone l’obiettivo di promuovere le migliori produzioni artistiche nelle lingue minorizzate mostrando come la diversità linguistica del Vecchio Continente, oltre a essere una ricchezza culturale e un diritto fondamentale, rappresenti anche un’inestimabile risorsa creativa che anche quest’anno non tradirà le aspettative!

CHI SUONA? – A calcare il palco del concerto ci saranno i friulani Brût&Madone, con il loro metalcore che si prende gioco dei luoghi comuni sulla, e della, loro Terra. Presente anche quest’anno una rappresentanza della Sardegna con il sound di Daniela Pes (accompagnata da Mario Ganau), sospeso tra tradizione, elettronica e folk. Immancabile la presenza basca, con uno dei gruppi più popolari della scena musicale in Euskal Herria, i Liher a cui spetterà anche chiudere quest’edizione il 1° agosto nell’ambito del Festival Art Tal Ort di Fagagna. Gradito ritorno è poi quello delle Isole Fær Øer che si propongono a Suns Europe con le tinte dai caldi colori del jazz nordico più raffinato di Land of Maybe, al loro debutto solo 6 mesi fa. Non è l’unico gradito ritorno. Nel 2021 ci sarà anche il Cantone dei Grigioni con il pop di Ursina e le sue canzoni che parlano di speranze abbandonate e di quanto sia bello e inevitabile perdersi in esse. Come di consueto è in programma anche una diretta radiofonica della serata dalle 21 alle 23, condotta da Mauro Missana di Radio Onde Furlane. Anche quest’anno a causa del perdurare della pandemia, e così come previsto dalla normativa vigente, i posti saranno limitati, l’ingresso sarà gratuito ma con prenotazione obbligatoria sul sito (https://www.sunseurope.com/fur/prenotazion/). In caso di maltempo, il concerto si terrà al Teatro Nuovo Giovanni da Udine cui però, per ragioni di capienza, potranno accedere solo le prime 500 persone che si sono prenotate.

SUNS EUROPE – Il Festival delle arti in lingua minorizzata è organizzato dalla cooperativa Informazione Friulana, editrice di Radio Onde Furlane col sostegno finanziario della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, dell’ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, del Comune di Udine, della Fondazione Friuli e l sostegno dell’Istituto Basco Etxepare. Inoltre si avvale della collaborazione di numerosi soggetti pubblici e privati quali i Comuni di Artegna, Cormons, Fagagna, Lusevera, Mortegliano, Moruzzo, Pozzuolo del Friuli e Romans D’Isonzo, il CEC Centro Espressioni Cinematografiche, l’associazione Amîs de Mont Quarine, il festival Art tal Ort, la Festa dell’Emigrante di Lusevera, la Società Filarmonica di Pozzuolo del Friuli, il Liberatorio d’Arte “Zonch” e le associazioni Babel (Sardegna), Lou Seriol (Occitania), Indian Runners (Paesi Catalani), La Grenz (Ladinia), Stichting REUR (Bassa Sassonia), Il Cantiere e Inniò (Friuli). Suns Europe ha il merito di trasformare il Friuli in un crocevia di culture, lingue e artisti, creando contaminazione e confronto, dando spazio a una produzione artistica di assoluto valore.

Tutto il programma e le info sono su www.sunseurope.com e sulla pagina Facebook | Instagram |