Seguici su

Cultura

Aperte le iscrizioni per la Summer school di “Botteghe Digitali”

Pubblicato

on

GORIZIA – Si sono aperte in questi giorni le iscrizioni a “Multimedia and Relational Arts”, la Summer school di “Botteghe Digitali”, progetto organizzato dalle associazioni Quarantasettezeroquattro e Young for fun, con la direzione artistica di Andrea Ciommiento e Chiara Perini.

I DESTINATARI DELLA CALL – Rivolta ad artisti under 35, la Summer school prevede una serie di masterclass con ospiti del mondo dell’arte performativa e multimediale, laboratori creativi con le realtà culturali partner da quattro Paesi europei (Italia, Slovenia, Paesi Bassi e Austria), sessioni individuali e tutoraggio con gli artisti-gruppi selezionati, incontri di co-creazione con le comunità locali coinvolte. «In questo percorso vorremmo promuovere una nuova visione di artista come “antropologo molecolare”, come definito da Nicolas Bourriaud, sviluppando specifiche competenze sul lavoro d’interazione sociale con i territori e le comunità», hanno spiegato gli organizzatori.

CANDIDATURE – Le candidature dovranno essere inviate entro e non oltre il primo luglio a segreteria@quarantasettezeroquattro.it con nome, cognome, indirizzo di residenza, portfolio e breve presentazione. Verranno scelte 20 persone per la prima sessione e circa 9 per la seconda, alle quali sarà garantita la copertura dell’ospitalità (viaggio, alloggio e pasti). Gli artisti selezionati saranno guidati dai tutor nell’acquisizione di competenze professionali sul “community engagement” attraverso il dialogo con le comunità locali, coinvolte nel ruolo di co-creazione all’interno dei processi artistici.

IL PROGRAMMA DELLA SUMMER SCHOOL – Il programma prevede per la prima sessione un intensivo di tre giorni in modalità online. Tuttavia, negli stessi giorni sarà allestito anche uno spazio fisico dedicato durante il festival Contaminazioni Digitali, a Turriaco. In questo modo, chi desiderasse partecipare alla mastercalss in presenza, potrà farlo. Concluso il primo step, la direzione artistica selezionerà circa 9 persone dall’originario gruppo di 20, le quali potranno partecipare, dal 2 al 6 settembre, alla seconda sezione della Summer school che prevede lo sviluppo di tre progetti artistici (individuali o in micro-gruppi), in collaborazione con le aziende partner, e proposti in anteprima assoluta, a Gorizia e Gradisca d’Isonzo, nell’ambito del festival In\visible Cities 2021.

COS’É BOTTEGHE DIGITALI? – Il progetto “Botteghe Digitali” nasce con l’obiettivo di far interagire, in modo proficuo, il mondo della ricerca artistica e performativa, il mondo accademico e alcune realtà produttivo/commerciali attente alla sostenibilità e all’innovazione. L’obiettivo principale è favorire la nascita di nuove produzioni artistiche e performative capaci di raccontare e valorizzare il mondo del lavoro e dell’impresa e al contempo stimolare le imprese a riflettere sulla propria identità, le pratiche e i prodotti attraverso i linguaggi dell’arte. Teatro, danza, video, installazioni artistiche e audiovisive sono forme espressive che potranno essere utilizzate sia per raccontare l’identità d’impresa, le buone pratiche di produzione, le politiche di sostenibilità, le memorie dell’azienda, sia per valorizzare e riqualificare spazi di vendita/produzione. Il progetto è rivolto ad artisti under 35, singoli, gruppi, compagnie, che intendono partecipare a un percorso di formazione internazionale e sviluppare un progetto artistico/performativo frutto di un i confronto su temi, tecniche e buone pratiche che vede coinvolti l’artista, esperti in ambito creativo e un’azienda ospitante.

I PARTNER DEL PROGETTO – “Botteghe Digitali” è un progetto organizzato dalle associazioni Quarantasettezeroquattro e Association Young for fun, grazie al sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e con la collaborazione di: Comune di Gorizia, Confcommercio Gorizia, Associazione Via Rastello, Università di Trieste, Univerza v Novi Gorici – Akedemija Umetnosti (Nova Gorica – Slovenia), Association PiNA (Koper – Slovenia), Media Art Friesland (Leeuwarden – Paesi Bassi), Association Time’s Up (Linz – Austria), CSS Teatro stabile d’innovazione del Friuli Venezia Giulia (Udine), ZONA K (Milano).

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?