Seguici su

Economia

Covid, Fedriga: “Le Regioni sono al lavoro per far ripartire la ristorazione”

Per il governatore “bisogna accelerare i passaggi decisionali al fine di consentire a queste aziende di poter tornare a lavorare”

Pubblicato

on

FVG – “Tutte le Regioni si stanno impegnando affinché il settore della ristorazione, fortemente colpito dall’emergenza Covid, possa ripartire, in sicurezza, a pieno regime il prima possibile, al fine di reintegrare da subito il personale che in questi lunghi mesi non ha potuto lavorare”. Lo ha detto a Trieste il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, nel corso di un incontro con Marco Di Giusto, udinese, fondatore e amministratore delegato di Cigierre – Compagnia Generale Ristorazione Spa, leader italiana per lo sviluppo e la gestione diretta o in franchising di ristoranti tematici. Fondata nel 1995, Cigierre è oggi proprietaria, tra gli altri, dei brand Old Wild West, Temakinho e Pizzikotto e controlla oltre 350 ristoranti in Italia e 20 in Francia”. Un confronto, come è stato definito dallo stesso Di Giusto, finalizzato “a consentire a queste imprese di poter tornare a lavorare e riassumere persone”.

Come ha spiegato Fedriga, i costi della crisi per determinate categorie produttive sono stati pesantissimi e proprio per questo bisogna accelerare i passaggi decisionali al fine di consentire a queste aziende di poter tornare a lavorare. “In questo – ha spiegato il governatore – le Regioni stanno facendo la loro parte, cercando di conseguire lo stesso risultato ottenuto con la riapertura alle visite nelle case di riposo, concordando con il Governo delle indicazioni che garantiscano sempre la massima sicurezza”.

“Un obiettivo – ha aggiunto Fedriga -, quello di una riapertura estesa della ristorazione, che è supportato da diversi fattori, tra cui: il calo dei contagi, il proseguimento della campagna vaccinale e l’arrivo della bella stagione che, come è accaduto lo scorso anno, sembra limitare in maniera significativa la diffusione del virus”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?