Seguici su

Cultura

L’Andos Udine sceglie il suo nuovo logo: è stato ideato da Sara Perazzolo

In occasione delle premiazioni, è stato presentato il volume informativo per chi inizia il percorso
chemioterapico, disponibile anche nella versione libro parlato per i non vedenti

Pubblicato

on

UDINE – Due fiocchi a simboleggiare la lotta contro il cancro al seno; la clessidra e il segno della pace a
indicare l’evoluzione della donna verso la condizione di parità e il rispetto; un sole, a indicare la
speranza. È questa l’immagine che l’Andos Comitato di Udine ha scelto come suo nuovo
logo: a idearla, la giovane Sara Perazzolo, studentessa della classe 3D maker dello Ial di
Pordenone che ha vinto il contest “Scuola, Innovazione, Solidarietà” organizzato
dall’Associazione Donne Operate al Seno con il duplice obiettivo di stimolare una riflessione tra i
giovani sul ruolo della donne nella società contemporanea e creare una più stretta sinergia tra
mondo della formazione e mondo del volontariato sociale.

Le premiazioni del concorso, ideato
in collaborazione con lo Ial Fvg e dedicato ai “maker digitali”, si sono svolte nella sede
dell’Academia del Gusto al Città Fiera di Martignacco, alla presenza della consigliera regionale
Simona Liguori e della vicesindaco di Martignacco, Antonella Orzan: sul “podio” oltre a Perazzolo,
si sono classificati Massimo Gabriel Lunardi (secondo), e Alessandro Marson e Amin Yamini
(terzi), per la sede pordenonese dell’istituto di formazione mentre per lo Ial di Udine, i
riconoscimenti sono andati a Mattia Fara (primo), Nazar Onopchenko (secondo classificato), e
Armando Shehu e Juan Vanegas (terzi). «Quando si coinvolgono i ragazzi – ha commentato la
presidente di Andos Udine, Marinagela Fantin -, c’è sempre un’emozione fantastica: si sono
impegnati, hanno fatto lavori bellissimi, li hanno studiati e li hanno realizzati riflettendo sul tema
della donna e facendo emergere la loro interiorità. Voglio ricordare, inoltre, che l’80 per cento
delle classi maker è composto da maschi, che sono riusciti a trasmettere emozioni importanti:
coinvolgerli su questa tematica è fondamentale».

In occasione delle premiazioni, è anche stata presentata la pubblicazione “Le domande che
non hai mai avuto il coraggio di porre”, ideato dall’Andos Udine e che sarà donato alle
donne che intraprendono il percorso chemioterapico per dare loro informazioni e
rispondere ai quesiti che spesso creano ansia e smarrimento in chi si trova ad affrontare questa
situazione: «È un libro fatto dalle donne che stanno facendo chemioterapia e dedicato a quelle
che la devono iniziare – ha spiegato Fantin -. Grazie ad una nostra socia non vedente,
Samantha De Rosa, è diventato anche un libro parlato e sarà disponibile in questa versione sul
sito dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti. Voglio quindi ringraziare Città Fiera, MeM Service
Srl, Banca di Udine, Demar Caffè e tutte le persone che hanno collaborato per la riuscita di
questo opuscolo».

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?