Seguici su

Cronaca

“Il 6 maggio diventi Giornata di riconoscenza per gli alpini”

La proposta arriva dai consiglieri regionali della Lega Elia Miani, Antonio Calligaris e Luca Boschetti,

Pubblicato

on

FVG – “Il 6 maggio di ogni anno diventi l’occasione per celebrare la Giornata della riconoscenza alla solidarietà e al sacrificio degli alpini, in ricordo del terremoto del 1976. E la Regione promuova nelle scuole l’istituzione di borse di studio e finanziamenti di viaggi di istruzione e di eventi per incentivare lo studio della cultura letteraria, storica e musicale legata al Corpo degli alpini”. Sono questi alcuni degli obiettivi della proposta di legge “Riconoscenza alla solidarietà e al sacrificio degli Alpini”, a firma dei consiglieri regionali della Lega Elia Miani, Antonio Calligaris e Luca Boschetti, depositata simbolicamente il 6 maggio, “45esimo anniversario del terremoto del Friuli, per promuovere lo spirito di solidarietà e di volontariato che anima l’Associazione nazionale Alpini e trasmetterne i valori storici, sociali e culturali soprattutto alle giovani generazioni”.

“La pdl – spiegano i tre esponenti della Lega – stabilisce anche contributi per raduni regionali, provinciali e locali di particolare rilievo; organizzazione di cerimonie, manifestazioni, mostre, convegni e pubblicazioni per celebrare date rilevanti della storia del Friuli Venezia Giulia, delle nostre forze armate, delle forze di polizia nazionale e locale, nonché della storia della patria”.
“La sospensione della leva militare obbligatoria fa sì che gli alpini e i loro valori siano sempre meno presenti nella società civile, per questo la Regione ha il compito di farsi parte attiva nel portarne avanti lo spirito. Il testo proposto – continuano Miani, Calligaris e Boschetti – sostiene e promuove attività dirette a diffondere, tenere vive e tramandare le tradizioni delle penne nere, difenderne le caratteristiche, illustrarne le glorie e le gesta, valorizzarne il patrimonio storico e culturale dato dalla memoria degli eventi. Non da ultimo, va ricordato il grande impegno profuso durante l’emergenza Coronavirus”.

“Prendendo spunto da altre Regioni – concludono – la Lega ha ritenuto doveroso un intervento incisivo e sistematico, diretto a riconoscere le attività degli alpini, Corpo indissolubilmente legato alla nostra terra”.