Seguici su

Basket

La spunta Udine su Biella al termine di un match emozionante

Pubblicato

on

Foulland alla prese con Biella

UDINE – Vittoria col brivido per l’Old Wild West Udine che si impone sull’Edilnol Biella per 101 a 95 dopo un tempo supplementare. La vittoria, al termine di un match con punteggio da NBA, consente ai bianconeri di mantenere la terza posizione in classifica insidiata da Verona. Un’altra nota positiva del match è stata il ritorno in campo dell’ala Mobio, assente per un mese dopo l’infortunio alla caviglia patito nel match con Verona. All’appello ora manca il solo lungodegente Amato che si spera di rivedere ad Aprile, successivamente al weekend di Coppa Italia.

Udine riesce a vincere la classica “partita dalle 1000 emozioni” dopo che, nel terzo quarto, Biella era scappata avanti di 11 punti (57-68) sfruttando la sontuosa prova balistica dell’ala piccola Carroll (41 punti), la verve di Miaschi (18 punti) ed i “pasticci” dei friulani che, oltre a perdere un’infinità di palloni (21 alla fine), sembravano avere smarrito pure il filo del gioco.

L’OWW, invece, nell’ultimo quarto, ha saputo attingere dal talento dei suoi veterani Johnson e Giuri (alla sua migliore partita in maglia APU con 20 punti e 7 assist) per ritornare avanti nella quarta frazione di gioco e spuntarla nel tempo supplementare.

Nell’ultimo quarto, è stato Foulland, ottimamente servito sotto canestro da Johnson a firmare il 2+1 del sorpasso bianconero (75-73), ma il match è proseguito sui binari dell’equilibrio fino al termine dei 40′, anche quando una tripla di un buon Nobile ed un canestro “quasi da tre” di Giuri sembrano avere chiuso la contesa (82-79 a -8” dal termine). Il solito Carroll con una tripla segnata ben oltre l’arco da tre punti, ha infatti impattato sull’82 pari rimandando di 5′ l’epilogo del match.

Nel supplementare, Udine ha dimostrato di avere qualche cartuccia di energia e di esperienza in più di Biella, ma si è anche giovata della mano dalla dea fortuna: un pallone scagliato da tre da Johnson, che sembrava destinato ad uscire dal cesto, per un incredibile rimbalzo tra il ferro ed il vetro si è infilato nella retina dando un fondamentale +5 a Udine (90-85). Biella ha provato nuovamente a riaccorciare, ma ha sbagliato con Miaschi un canestro fondamentale, mentre dall’altra parte Giuri e Nobile hanno finalmente chiuso la contesa.

APU OLD WILD WEST UDINE – EDILNOL BIELLA 101-95 (d.t.s.) (27-24, 45-47, 64-70, 82-82)

APU OLD WILD WEST UDINE: Johnson 20 punti, Deangeli, Spangaro ne, Schina, Antonutti 18, Mobio, Agbara ne, Foulland 16, Giuri 20, Nobile 15, Pellegrino 2, Italiano 10. All. Boniciolli.

EDILNOL BIELLA: Berdini, Moretti ne, D’Almeida 6, Bertetti, Laganà 18, Barbante, Miaschi 18, Vincini ne, Pollone 5, Hawkins 7, Carroll 41. All. Squarcina.