Seguici su

Cronaca

Borgo stazione passata al setaccio dalle forze dell’ordine

Bordin (Lega): “Risposta forte dello Stato rispetto alle richieste di maggiore sicurezza”

Pubblicato

on

UDINE – Una vasta operazione congiunta della Polizia di Stato e dell’Arma dei carabinieri, finalizzata prevalentemente alla prevenzione e repressione dei reati di spaccio delle sostanze stupefacenti, si è svolta nel pomeriggio di giovedì nella zona di Borgo stazione e del castello di Udine, nonché in altre aree cittadine interessate dall’increscioso fenomeno, che colpisce sempre più spesso le fasce d’età più giovani.

L’attività ha tratto origine da una investigazione più ampia condotta dal personale della Squadra mobile della Questura di Udine e dai militari del Reparto operativo-Nucleo investigativo del Comando provinciale carabinieri di Udine. Alle operazioni di controllo del territorio hanno partecipato, oltre alle unità di pronto impiego della Polizia e dei Carabinieri, anche le pattuglie della Guardia di Finanza e della Polizia Locale, nonché personale specializzato delle unità cinofili dei Carabinieri, per un totale di quasi 100 operatori di polizia. Contestualmente all’attività antidroga, è stato impiegato anche il personale del Nas (Nucleo Anti Sofisticazione) e Nil (Nucleo Ispettorato del Lavoro) dei Carabinieri, per effettuare mirati accertamenti di rispettiva competenza riguardanti la salute pubblica, il rispetto delle normative anti Covid e giuslavoriste.

“L’azione coordinata delle forze di polizia concretizza una risposta forte dello Stato rispetto alle richieste di maggiore sicurezza, pervenute dai cittadini e dalle istituzioni locali. Complimenti alle donne e agli uomini in divisa che, con grande abnegazione e coraggio, si impegnano quotidianamente in azioni di prevenzione e di contrasto dell’illegalità”. Lo afferma il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Mauro Bordin.  “A questo tipo di operazioni – continua la nota di Bordin -, occorrerebbe a supporto anche un sistema meno garantista per punire in modo esemplare chi pensa di poter spacciare materiale stupefacente nelle nostre città e ai nostri giovani”

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?