Seguici su

Basket

L’OWW Udine vince e convince battendo Piacenza

Pubblicato

on

Johnson in difesa contro Piacenza

UDINE – L’OWW inanella il terzo successo consecutivo battendo al Carnera, nel recupero della 2a giornata di campionato, l’Assigeco Piacenza per 94 a 82. Un +12 importante, quello colto da Antonutti e compagni, perché permette ribaltare il -11 sofferto dai friulani nella partita di sole tre settimane fa a Piacenza.

Come sottolineato da coach Boniciolli nel dopo partita, si è trattata probabilmente della migliore partita disputata dall’Apu in questa stagione, non solo per la prestazione dei bianconeri, ma anche per quella degli avversari, guidati da una coppia di americani, la guardia Carberry e l’ala McDuffie, tra le migliori dell’intero campionato.

Percentuali molto alte al tiro sia da due che da tre punti hanno permesso alle due formazioni di realizzare, complessivamente, ben 176 punti. Anche se poi la statistica forse più significativa, che rimarca quella che è stata la principale differenza a favore di Udine, è stata quella dei rimbalzi: l’OWW ne ha presi ben 10 di più rispetto agli emiliani (39 a 29).

Non è un caso che i due centri dei friulani, Foulland e Pellegrino, abbiano giocato un’ottima partita, vincendo nettamente il duello con i pari-ruolo avversari Molinaro (un ex) e Guarisa. La prestazione dei due giocatori è stata fondamentale non solo in attacco, ma soprattutto in difesa: memore della sconfitta di tre settimane fa a Piacenza e del “trentello” messo a segno nell’occasione da McDuffie, Boniciolli ha. infatti, tenuto i propri centri vicino a canestro per “riempire” l’area piccola e lo stratagemma ha funzionato a dovere.

Dopo essere stata in vantaggio, anche di 13 punti, durante i primi due quarti, Udine ha sofferto il ritorno di Piacenza nel terzo che, per ben due volte, è arrivata sul -1: una prima volta, dopo una tripla di Cesana (61-60) e, una seconda, dopo una tripla di McDuffie (64-63). L’ala americana ha avuto anche un libero aggiuntivo per impattare, ma dalla lunetta non è stato preciso.

La rimonta di Piacenza si è fermata proprio qui, perché da quel momento l’OWW è tornata a distanziare la formazione ospite con quattro punti di un buon Antonutti alla fine del terzo quarto. Nell’ultima frazione di gioco, i bianconeri hanno completato l’opera, con i canestri di un ispirato Johnson e con una attenta difesa, riuscendo a mettere 12 lunghezze tra se l’Assigeco. Missione compiuta.

APU OLD WILD WEST UDINE – UCC ASSIGECO PIACENZA 94-82 (30-20, 49-41, 70-65)

APU OLD WILD WEST UDINE: Johnson 20, Mussini 6, Deangeli 5, Spangaro ne, Schina, Antonutti 14, Mobio 7, Agbara ne, Foulland 14, Giuri 13, Pellegrino 8, Italiano 7. All. Boniciolli.

UCC ASSIGECO PIACENZA: McDuffie 23, Voltolini ne, Perotti ne, Poggi, Molinaro 1, Formenti 6, Gajic 3, Guariglia 7, Massone 4, Carberry 26, Jelic, Cesana 12. All. Salieri.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?