Seguici su

Cronaca

Valanga si stacca dalle pendici dello Zoncolan: non ci sono feriti

Il fronte della valanga è largo un’ottantina di metri e con un piano di scorrimento di circa trecento

Pubblicato

on

RAVASCLETTO – Una quarantina i tecnici del Soccorso Alpino (perlopiù dalla stazione di Forni Avoltri, ma anche con aiuti da Sappada, Valcellina e Forni di Sopra) che hanno lavorato fino alle 17 alla bonifica della valanga caduta sulla pista di Ravascletto. Alle operazioni hanno preso parte attivamente anche i soccorritori della Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco.
I tecnici hanno raggiunto l’ammasso nevoso in parte con la funivia in parte con le pelli di foca e gli sci ai piedi, lavorando prima con sondaggi vista-udito e sondaggi nelle aree primarie, poi con ricerca Artva e Recco e infine con le Unità Cinofile, quattro in tutto, tutte del Soccorso Alpino.
Il fronte della valanga è largo un’ottantina di metri e con un piano di scorrimento di circa trecento: si è staccato circa cinquanta metri sotto l’imbocco del cosiddetto “gjalinar”, dove non sono state individuate tracce di ingresso. Si è dunque trattato probabilmente di un distacco spontaneo causato dal peso della neve molto umida.
Per ora si è temuto che la slavina avesse coinvolto qualche escursionista. Per questo è stata  effettuata una bonifica per escludere il coinvolgimento di sciatori.
Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?