Seguici su

Cronaca

Atti persecutori nei confronti della ex: arrestato dalla Polizia

A finire nei guai è stato un cittadino colombiano

Pubblicato

on

UDINE – Arrestato in flagranza di reato per atti persecutori aggravati nei confronti della ex. A finire nei guai è stato un cittadino colombiano, fermato dalle Volanti della Questura di Udine.

I due avevano iniziato una relazione sentimentale nel 2017, ma l’uomo fin da subito aveva tenuto comportamenti minacciosi e violenti nei confronti della compagna più giovane che, nel settembre 2019, aveva così deciso di interrompere il rapporto. L’uomo non aveva mai accettato questa decisione e aveva iniziato a molestare la donna, appostandosi fuori casa di lei, presentandosi a ogni ora del giorno e della notte sotto le finestre, inducendo così lei a chiedere e ottenere l’ammonimento del questore. Nonostante questo provvedimento l’uomo aveva continuato a tempestare di messaggi la donna che, a inizio del 2020 aveva deciso di riprendere la relazione, ma anche in questi mesi lui manifestava aggressività fisica e verbale nei confronti di lei, pretendendo di controllarne la vita e le frequentazioni, esplodendo in scenate di gelosia ed inducendo, infine e nuovamente, la donna a lasciarlo lo scorso agosto.

La notte del 9 settembre lo straniero ha trovato la donna in centro e ha iniziato a ingiuriarla fino a colpirla con schiaffi, cagionandole visibili segni, giudicati poi guaribili dai sanitari con 10 giorni di prognosi. Fortunatamente per lei passava in quel momento una Volante i cui agenti, accortisi dei quanto stava accadendo, riuscivano a bloccare lo straniero in fuga e ad arrestarlo. L’uomo è stato deferito all’autorità giudiziaria per atti persecutori e lesioni aggravate dalla pregressa relazione affettiva e per inosservanza del divieto di ritorno in Udine. In sede di convalida dell’arresto il Gip ha disposto per lui il divieto di avvicinamento alla persona offesa e ai luoghi da lei frequentati nonché di comunicazione con la stessa con qualsiasi mezzo.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Commenti recenti

informazioni pubblicitarie