Seguici su

Cronaca

In\Visible Cities prosegue all’insegna di musica e installazioni

Pubblicato

on

GRADISCA D’ISONZO – Il suono si fa teatro, spazio condiviso e luogo in cui mettere in scena, al di là di epoche ed estetiche, la meravigliosa, infinita diversità e ricchezza del pensiero musicale. “Chaos”, in programma il 6 settembre alle 18.30 al teatro comunale, sarà tutto questo! Il concerto porterà a una collisione di generi e stili, tra strumenti acustici ed elettronica, sperimentazione e classicità, musica scritta e improvvisazione. L’ensemble cantierezero e il duo Nimikry – musicisti classici, impegnati anche nella scena contemporanea e sperimentale – hanno realizzato uno spiazzante e vertiginoso percorso musicale, in cui presenze sonore apparentemente incompatibili trovano sorprendenti modalità di dialogo e coesistenza. Attraverso l’ascolto impariamo a risuonare noi stessi, comprendendo come il caos sia anche il luogo che precede senso e forma. Chaos vorrebbe anche raccontare, con il linguaggio della musica d’arte del nostro tempo, la natura dinamica e caotica dell’universo, la complessità spiazzante della realtà, spesso nascosta dalla lotta della tecnica contro il disordine.

IN LOTTA CON LA REALTÀ – Sempre domenica, alle 21, la grande installazione artistica-interattiva “Identità in transito” realizzata dalla compagnia Guinea pigs (con contributo di Zorzini&Clementei di Udine) in piazza dell’Unità si trasformerà nello spazio scenico per un happening teatrale, che vedrà artisti e pubblico a dialogo sul tema “identità di confine”. Il confine tra sé e l’altro, tra il conosciuto e lo sconosciuto, tra la verità di ognuno e la propaganda per tutti. Fin dal pomeriggio, i visitatori potranno entrare nello spazio dell’installazione e trasformarlo, attraverso le loro parole, in uno luogo di narrazione, lasciando una traccia sonora delle loro “Identità in transito”. Ogni spettatore sarà invitato a seguire un percorso per interagire con l’installazione: potrà ascoltare un messaggio per, poi, prendere parola e rispondere con un ricordo, un’esperienza, una storia personale o collettiva.

PROGRAMMA DEL 6 SETTEMBRE – “Chaos” e “In lotta con la realtà” non saranno però i soli appuntamenti della domenica di In\Visible cities che, anzi, comincerà già al mattino con “Tree D scanning”; alle 14, grazie al sostegno dell’Ambasciata e del Consolato Generale dei Paesi Bassi, gli artisti olandesi Adri Schokker e Anna Trapenciere proporranno un’esperienza di esplorazione e mappatura tridimensionale di alberi, boschi e foreste che si è sviluppata in diverse parti d’Europa e che condurrà il pubblico di Gradisca in una passeggiata in mezzo alla natura associata alla realizzazione e presentazione di contenuti immersivi in realtà virtuale (partenza da Sala consiliare, palazzo Torriani). Dalle 16.30 nuovo appuntamento con “Gradisca Memory Experience” (partenza ogni 5’ da Piazza Unità, portici del teatro comunale): un percorso multimediale per un singolo spettatore che, munito di cuffie e tablet, sarà “accompagna” in una passeggiata attraverso la storia e le memorie della città attraverso una narrazione poetica e coinvolgente. Alle 21 e alle 22.30, invece, nel cortile Palazzo Torriani, “sosterà” il furgoncino di “Caravan Stories”: Serena di Blasio  e Luigina Tusini, insieme alla pupazza Helsinki e con il supporto di videoproiezioni, racconteranno, durante ogni replica, sei delle 13 storie che compongono l’intero catalogo della performance. Storie di viaggio e di confini, geografici e umani, sociali e culturali. Barriere che sono difese, protezioni, limiti ma anche risorse per poter comprendere qualcosa su di sé.

PROGRAMMA DEL 7 SETTEMBRE – L’ultima giornata del festival urbano multimediale prenderà il via con “Gradisca Memory Experience” (dalle 16.30 alle 20; partenza ogni 5’ da Piazza Unità, portici del teatro comunale). Dalle 17 alle 19, nuovo appuntamento con “The forest”, installazione multimediale VR (sala Consiliare, palazzo Torriani). Alle 19, in sala Bergamas, è invece in programma “D.A.K.I.N.I. SUIT(E)”, una performance di danza interattiva che prevede l’utilizzo di una tuta motion capture. La corrispondenza tra l’esperienza del corpo e la sua proiezione virtuale è al centro delle animazioni 3D dell’opera. La tuta, seconda pelle della performer, permette al corpo reale di dialogare col corpo virtuale e di creare nuove identità digitali fuori dai binari prestabiliti. In\Visible cities si concluderà con “Reduplicants” (alle 20, al Teatro comunale), uno spettacolo di danza interattiva e aumentata e di spazio immersivo per un “viaggio nel tempo”. Una performance interattiva e un’installazione audio-visiva ispirata dal Cono Luce, rappresentazione grafica dello spazio-tempo del matematico Minkowski. Kaartik seguirà una partitura sonora per reagire alla propria azione passata e sarà in grado così di prevedere quella futura.

Info: https://invisiblecities.eu | Facebook | segreteria@quarantasettezeroquattro.it |

PROGRAMMA PER LA TAPPA DI GRADISCA D’ISONZO

domenica 6 settembre
> dalle 14 alle 16, “Tree D scanning” (partenza da Sala consiliare, palazzo Torriani)
> dalle 16.30 alle 20, partenza ogni 5’ da Piazza Unità, portici del teatro comunale, Gradisca Memory Experience, Percorso audio-video per singolo spettatore
> 18.30, al Teatro Comunale, Chaos, Concerto
> dalle 20 alle 22, “The forest”, installazione multimediale VR (Sala Consiliare)
> dalle 21, da Piazza Unità, portici davanti al teatro, In lotta con la realtà, Tappa 3 – Identità in transito, Installazione interattiva
> dalle 21 alle 22.30, Cortile Palazzo Torriani, Via Bergamas 32, (in Sala Consiliare in caso di maltempo), Caravan Stories, Performance teatrale per singolo spettatore

lunedì 7 settembre
> dalle 16.30 alle 20, partenza ogni 5’ da Piazza Unità, portici del teatro comunale, Gradisca Memory Experience, Percorso audio-video per singolo spettatore
> dalle 17 alle 19, “The forest”, installazione multimediale VR (Sala Consiliare, palazzo Torriani)
> 19, Sala Bergamas, D.A.K.I.N.I. SUIT(E), Danza interattiva
> 20, Teatro comunale. Reduplicants, Danza interattiva

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?