Seguici su

Cronaca

Immigrazione, Novelli: “Da governo parole e promesse. In Fvg situazione esplosiva”

Ministro D’Incà: nel 2020 sono stati rintracciati 2348 migranti, a breve ripresa pattugliamenti e droni

Pubblicato

on

UDINE – “Il Friuli Venezia Giulia è stata dimenticato da un governo che sino ad ora è stato parolaio promettendo di aiutare la nostra piccola regione a contrastare un fenomeno che è diventato abnorme: l’immigrazione ormai incontrollata dalla cosiddetta rotta balcanica”. Così il deputato di Forza Italia Roberto Novelli nell’aula di Montecitorio illustrando l’interrogazione a risposta immediata (presentata insieme alla collega forzista Sandra Savino) sulle iniziative del governo per contrastare l’immigrazione clandestina proveniente dalla rotta balcanica e alleggerire la pressione sulle strutture di accoglienza del Fvg, a partire dalla ex caserma Cavarzerani.

“La situazione è esplosiva, sia per i timori sanitari dei cittadini sia perché si stanno sviluppando problematiche di tipo sociale. Quei pochi uomini che invierete, ammesso che li invierete, sono troppo pochi: dovete venire sul territorio, capire la situazione, prendere atto che sono scoppiate le rivolte perché questi clandestini che sono stati ospitati sul territorio italiano non vogliono fare la quarantena. Dobbiamo rinforzare i contingenti delle forze dell’ordine e dell’Esercito e dobbiamo essere più duri nei rapporti diplomatici con la Slovenia, perché è da lì che arrivano i migranti perché qualcuno li lascia passare”, ha concluso Novelli.
Nella risposta all’interrogazione il ministro per i rapporti con il Parlamento Federico D’Inca ha risposto fornendo i numeri dei migranti rintracciati nel 2020 e delle riammissioni informali: dal 1° gennaio al 31 luglio  sono stati rintracciati 2.348 migranti (885 fino al 18 maggio, 1463 nel periodo successivo) mentre sono state 619 le riammissioni informali. Il ministro ha annunciato inoltre che riprenderanno i pattugliamenti misti sospesi a causa del Covid accompagnati da droni. Per quanto riguarda il potenziamento degli organici delle forze di Polizia e dell’Esercito il ministro ha comunicato che alle province di Trieste, Gorizia e Udine sono stati assegnati 270 militari nell’operazione Strade Sicure e 47 unità delle forze di polizia a cui si aggiungono l’assegnazione di ulteriori 50 unita ad Udine; è previsto inoltre, secondo il Governo,  un ulteriore rafforzamento del contingente di militari già destinato alla vigilanza del confine terrestre con la Slovenia.
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Commenti recenti

informazioni pubblicitarie