Seguici su

Cronaca

Riaperto dopo 60 giorni di lavori il pontile ‘Faro rosso’ di Lignano

Le forti mareggiate del novembre 2019 avevano distrutto la parte terminale del pontile

Pubblicato

on

LIGNANO SABBIADORO – Il faro rosso con il suo pontile, opera assurta a simbolo di Lignano Sabbiadoro e della marineria adriatica, è stata restituita alla comunità e ai turisti in tempo record dopo essere stata fortemente danneggiata dalle mareggiate dello scorso autunno, consentendo nuovamente di ammirare lo splendido paesaggio e la suggestione dell’ambiente lagunare e del suo sbocco verso il mare. La rapidità dell’intervento, concluso in soli 60 giorni nonostante le difficoltà burocratiche e quelle tecniche, visto che la struttura si erge dal mare su un fondale sabbioso e a ridosso del canale principale, è così divenuta nel contempo anche un simbolo della ripartenza, della volontà della Regione, della località balneare e dei suoi amministratori e operatori di riavviare la località turistica verso il pieno delle sue potenzialità e attrattive.
È quanto emerso a Lignano Sabbiadoro alla riapertura del pontile di accesso al Faro rosso di Lignano Sabbiadoro alla quale hanno partecipato l’assessore regionale alle Attività produttive e il presidente del Consiglio regionale.

Le forti mareggiate del novembre 2019 avevano distrutto la parte terminale del pontile, tratto finale di una suggestiva passeggiata circondati dall’acqua, privando turisti e appassionati dell’habitat delle zone umide e i visitatori della città, di un impagabile punto di osservazione. Una passerella collega infatti alla spiaggia il faro rosso di segnalazione del canale di accesso alla laguna di Marano dal mare e si connette conseguentemente anche con il sistema diportistico lagunare di Lignano Sabbiadoro e di Aprilia e con la Litoranea veneta, il canale interno navigabile che raccorda Aquileia con la laguna di Venezia.
I lavori sono consistiti nella ricostruzione, sempre in legno, dell’intero un tratto di 180 metri del pontile (120 dei quali in acqua e circa 60 sulla spiaggia) e nell’occasione è stato installato anche un nuovo impianto di illuminazione.  L’intervento della Regione non è però ancora concluso ed è stato solo temporaneamente sospeso per la concomitanza con la stagione turistico-balneare. In autunno, saranno infatti realizzati altri lavori di consolidamento che contemplano anche opere di protezione del pontile dalle mareggiate.

Oltre è stato inoltre annunciato che a conclusione della stagione balneare saranno avviati e realizzati rilevanti lavori per la creazione delle difese dell’arenile dall’erosione delle acque e dalle mareggiate, in particolare a Lignano Sabbiadoro e a Pineta. Sarà inoltre completato il dragaggio del canale di accesso alla laguna dal mare, sul quale si affaccia il pontile oggi riaperto.
Quelli eseguiti e previsti sono interventi che concorrono a qualificare l’offerta turistica di Lignano Sabbiadoro e, di riflesso, dell’intero Friuli Venezia Giulia, sostenendo settori, come la balneazione e la nautica da diporto, che al momento stanno soffrendo la crisi successiva al lockdown forse di più di quanto era stato preventivato, in particolare a causa della ridotta affluenza di turisti stranieri.
Nel corso dell’evento odierno è stato evidenziato come la pausa forzata e i riflessi della chiusura sulle attività turistiche, protrattesi per alcuni mesi, possono e debbono essere un’occasione per effettuare una riflessione sulla qualità dell’offerta, in uno sforzo corale che deve vedere unite le istituzioni e gli operatori. Presentare le realtà turistiche nelle loro vesti migliori, con strutture funzionali ed efficienti in tutti i settori dell’offerta, significa affrontare con una marcia in più la ripartenza e imboccare un percorso che dovrebbe rivelarsi foriero di soddisfazioni, se non nell’immediato, quantomeno per il prossimo futuro.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Commenti recenti

informazioni pubblicitarie