Seguici su

Cronaca

Scuole: la Regione concede ai Comuni i suoi immobili per le lezioni in sicurezza

Callari: “Strutture concesse gratuitamente per 12 mesi”

Pubblicato

on

UDINE – La Regione concederà gratuitamente, per 12 mesi, agli Enti locali che ne faranno richiesta, immobili di sua proprietà non immediatamente fruibili per fini istituzionali, da utilizzare affinchè l’anno scolastico 2020-2021 possa prendere avvio seguendo le misure di sicurezza legate al Coronavirus. Lo ha stabilito la giunta regionale approvando, su proposta dell’assessore al Patrimonio Sebastiano Callari, una apposita delibera in merito.

Con un decreto del ministero dell’Istruzione dello scorso mese di giugno, è stato approvato il Piano Scuola 2020-21, documento che pianifica le attività scolastiche, educative e formative in tutte le istituzioni del Sistema nazionale di istruzione. In esso è stato precisato che, a settembre, le attività scolastiche riprenderanno su tutto il territorio nazionale in presenza nel rispetto delle indicazioni per la prevenzione del contagio contenute nel Documento tecnico elaborato dal Comitato tecnico scientifico (Cts). Tra i criteri indicati dal Cts, il distanziamento fisico rappresenta un aspetto di prioritaria importanza per il contenimento dell’epidemia da SARS-CoV-2.
Gli Enti locali, nei territori di rispettiva competenza, hanno avviato la ricognizione degli spazi scolastici esistenti e di altri eventualmente disponibili per individuare soluzioni capaci di garantire il rispetto del distanziamento. Al momento, alla Regione sono già pervenute alcune richieste per la concessione di spazi con i quali far fronte alle necessità di un numero maggiore di locali in cui ospitare le strutture scolastiche, nel rispetto delle indicazioni sul distanziamento.

“La Regione – spiega l’assessore Callari – dopo una attenta ricognizione, ha constatato di avere la disponibilità di immobili, appartenenti al proprio patrimonio disponibile ed indisponibile, attualmente non utilizzati che possono essere temporaneamente ceduti agli Enti locali e che metteremo a loro disposizione per affrontare le particolari esigenze dell’anno scolastico 2020-21. Per la straordinarietà della situazione attuale legata al contenimento dell’epidemia da SARS-CoV-2 e per ottemperare all’interesse pubblico dello svolgimento dell’attività scolastica per quanto possibile in presenza, autorizzeremo agli Enti locali e agli Edr che ne facciano richiesta, la concessione gratuita per 12 mesi degli immobili regionali non immediatamente utilizzabili per fini istituzionali. Gli oneri di gestione degli spazi messi a disposizione saranno a carico del concessionario”.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Commenti recenti

informazioni pubblicitarie