Seguici su

Cronaca

In difficoltà sul Jôf di Miezegnot: tre ragazzi recuperati dal Soccorso Alpino

I ragazzi facevano parte di una comitiva di sette coetanei e stavano scendendo il versante Nord del monte lungo il sentiero con segnavia Cai 606 che conduce a Malga Rauna

Pubblicato

on

MALBORGHETTO-VALBRUNA – Si sono concluse domenica sera le difficili operazioni di recupero sul Jôf di Miezegnot, dove tre giovani escursionisti triestini, compresi in una fascia d’età tra i ventuno e i ventiquattro anni sono stati tratti in salvo.
I ragazzi facevano parte di una comitiva di sette coetanei e stavano scendendo il versante Nord del monte lungo il sentiero con segnavia Cai 606 che conduce a Malga Rauna. Uno di loro si è staccato dalla comitiva prendendo una traccia nera e finendo in un tratto ripido, franoso ed esposto, oltre che non semplice da raggiungere. Due dei suoi compagni hanno cercato invano di aiutarlo e sono rimasti nei dintorni della sua posizione. Tre soccorritori della stazione di Moggio Udinese del Soccorso Alpino e Speleologico sono stati sbarcati dall’elicottero della Protezione Civile in un punto poco distante dalla posizione del giovane, più in alto, e con molta attenzione hanno allestito un punto di sosta per effettuare una calata in corda doppia. Il punto era delicato e franoso.
Con una calata di trenta metri lo hanno raggiunto e messo in sicurezza, attrezzando un’altro un altro punto di sosta per calarlo in un punto agevole dal quale lo avrebbero recuperato in sicurezza i soccorritori giunti nel frattempo dal basso dalla stazione di Cave del Predil per farlo imbarcare sull’elicottero. Anche i compagni del ragazzo sono stati recuperati dal velivolo con l’aiuto dei soccorritori e con successive rotazioni.
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *