Seguici su

Cronaca

Il Comune non rinuncia agli eventi: 100 mila euro per UdinEstate 2020

L’assessore Cigolot: “Vogliamo favorire il recupero del senso di socialità e delle usuali occasioni di incontro che sono state sospese”

Pubblicato

on

Simone Di Luca

UDINE – Il Comune di Udine intende sostenere, dell’ambito della manifestazione “UdinEstate 2020”, le capacità propositive e progettuali in ambito culturale, concorrendo in questo modo alla ripresa sociale, culturale ed economica della città dopo il blocco delle attività imposto dall’emergenza sanitaria. Lo ha deciso la Giunta nella seduta di martedì. A tale scopo saranno destinati 100mila euro, eventualmente integrabili con nuovi stanziamenti, cui potranno avere accesso tutti i soggetti pubblici o privati e le società cooperative che, per loro statuto, svolgono attività di produzione e promozione culturale o artistica.  Il termine per la presentazione delle domande scade l’8 giugno.

Saranno ammesse tutte le proposte di iniziative, manifestazioni, rassegne nei settori del teatro, della musica, del cinema, dello spettacolo dal vivo, della cultura locale, popolare e etnografica, delle arti visive e delle espressioni artistiche, scientifiche, umanistiche, della cultura classica, della ricerca storica, della lettura, della letteratura, temi di attualità e delle scienze sociali. “L’obiettivo – ha precisato l’assessore alla cultura Fabrizio Cigolot – è quello di offrire, attraverso il nostro aiuto alle realtà che in città si occupano di cultura, occasioni di crescita personale e collettiva, favorendo in questo modo il recupero del senso di socialità e delle usuali occasioni di incontro che sono state sospese a causa dell’emergenza sanitaria in corso. Tali iniziative dovranno essere organizzate sia nel centro che nei quartieri, in modo da creare un’offerta complessiva diffusa, articolata e di facile fruizione da parte della cittadinanza, garantendo al tempo stesso un pubblico contenuto (si parla di un massimo di 1.000 persone) e il distanziamento interpersonale che dovremo rispettare anche nei prossimi mesi”.

Ma non basta, perché l’estate udinese si preannuncia, nelle intenzioni della Giunta, più lunga del solito. “Partiremo con giugno – ha infatti precisato l’assessore – e andremo avanti fino a ottobre, sfruttando appieno la bella stagione e dando in questo modo agli organizzatori la possibilità di riprendersi dalla pausa primaverile, ai cittadini importanti occasioni di svago e arricchimento culturale e al commercio cittadino gli effetti positivi di una città viva anche nei mesi estivi”. In particolare sarà incentivata la realizzazione delle iniziative che valorizzino le istituzioni culturali cittadine; delle proposte che integrino l’offerta culturale nei quartieri favorendo l’inclusione sociale e l’aggregazione; le iniziative volte alla promozione della cultura, della creatività e del protagonismo delle giovani generazioni e alla valorizzazione della lingua, della storia, della cultura e della tradizioni del Friuli; le attività di tradizione consolidata negli anni e che si configurano come appuntamenti annuali per la comunità cittadina; le manifestazioni celebrative di particolari avvenimenti o personaggi prioritariamente di interesse locale, nonché ricorrenze di carattere comunale.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *