Seguici su

Cronaca

Deluso dall’Ue: Ferrari lascia il Consiglio europeo per la ricerca

Una decisione dovuta al fatto di non essere riuscito a persuadere Bruxelles a mettere in piedi un programma scientifico su larga scala per combattere il coronavirus

Pubblicato

on

UDINE – “Sono rimasto estremamente deluso dalla risposta europea al Covid-19”. Con queste parole il ricercatore friulano Mauro Ferrari ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni dalla carica di presidente del Consiglio europeo per la ricerca (Erc), la principale istituzione scientifica dell’Ue.

“Ero arrivato alla guida dell’Erc come un fervente sostenitore dell’Ue – ha detto Ferrari al Financial Times online – ma la crisi del Covid-19 ha completamente cambiato la mia opinione anche se continuo a sostenere con entusiasmo l’idea della collaborazione internazionale”.

Ferrari, come poi confermato in una lettera aperta al Corriere della Sera, ha deciso di presentare le sue dimissioni alla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, lunedì pomeriggio. Una decisione dovuta al fatto di non essere riuscito a persuadere Bruxelles a mettere in piedi un programma scientifico su larga scala per combattere il coronavirus. “Ho dovuto constatare le paralizzanti inefficienze dell’Unione europea, esse stesse in contraddizione con gli alti ideali sui quali l’organizzazione era stata fondata”, ha chiuso non senza amarezza Ferrari.

1 Commento

1 Commento

  1. Michele Marcolin

    Aprile 8, 2020 at 10:55 am

    Rispetto. Bravo. Coerenza prima di tutto. Se non la vogliono capire, che si arrangino. Questa UE ormai non serve più.

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?