Seguici su

Politica

Sindaci Fvg favorevoli ai fondi del Governo per i bisognosi

Lettere al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al presidente Fvg Massimiliano Fedriga e al presidente nazionale dell’Anci Antonio Decaro

Pubblicato

on

UDINE – “I 400 milioni di euro, di cui oltre 6 milioni a beneficio dei Comuni della nostra regione, servono per le necessità impellenti di tante persone che non arrivano a fine mese, che mancano di risparmi o di una rete famigliare di supporto, si affidano a noi amministratori per dar da mangiare al proprio nucleo famigliare e fornirlo di medicine “. Lo scrive un gruppo di sindaci, finora circa venticinque ma altri si stanno aggiungendo, che hanno firmato una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al presidente Fvg Massimiliano Fedriga e al presidente nazionale dell’Anci Antonio Decaro, in merito alla misura del fondo di 400 milioni per aiuti immediati ai bisognosi.

Riguardo ai sindaci della Lega Fvg che hanno contestato la misura nazionale, nella lettera si legge che “le persone coinvolte in maniera diretta o indiretta in questa emergenza sanitaria non sono aiutate da tentativi scomposti di strumentalizzare e cavalcare per bieca ricerca di consenso elettorale una situazione di difficoltà economica e psicologica per tutti i cittadini”. E anzi questi sindaci, aggiungono i sottoscrittori “mostrano chiaramente che non hanno a cuore il bene dei loro cittadini, ma rispondono a diktat che arrivano dai vertici di un preciso partito, la Lega di Salvini. Questa sottomissione di rappresentanti delle istituzioni, di tutti i loro cittadini, a ordini di partito delude e addolora”.

Mentre sono in corso le adesioni, i Comuni che hanno sottoscritto finora: Palmanova, Zoppola, Treppo Grande, Fiumicello-Villa Vicentina, Torviscosa, Romans d’Isonzo, Terzo d’Aquileia, Campolongo Tapogliano, Aiello del Friuli, Muggia, S. Dorligo-Dolina, Sgonico, Monrupino, Paluzza, Moruzzo, Chiopris Viscone, San Vito al Tagliamento, Mariano del Friuli, Turriaco, Savogna d’Isonzo, Grado, Martignacco, San Canzian d’Isonzo, Cervignano del Friuli.
“La firma di tanti amministratori su questo documento – si legge ancora – vuole essere una dimostrazione di amore verso le nostre comunità, perché noi viviamo con i nostri cittadini le ansie e i drammi famigliari delle persone che ci hanno dato la loro fiducia e che ci hanno chiesto e ci chiedono ogni giorno di essere responsabili superando ogni sterile e inutile contrapposizione di carattere partitico. Noi – puntualizzano – non possiamo è non vogliamo tradire quella fiducia. L’impegno e l’amore per la nostra gente ci guiderà in queste drammatiche giornate”.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *