Seguici su

Cronaca

Coronavirus, il Patto chiede di far giocare i bambini all’aperto

È la richiesta, formulata alla Giunta Fedriga dai consiglieri del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli

Pubblicato

on

UDINE – “Si trovi il modo per garantire ai bambini tempo all’aria aperta”. È la richiesta, formulata alla Giunta Fedriga dai consiglieri del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli, in un ordine del giorno presentato in occasione della seduta d’Aula in modalità telematica sul Covid-19, che impegna l’Esecutivo regionale “compatibilmente con le esigenze dettate dalla situazione di emergenza e nel rispetto delle indicazioni delle autorità sanitarie sui comportamenti individuali da tenere per evitare il rischio di contagio, a valutare le modalità per garantire prima possibile ai bambini di poter uscire all’aria aperta”.

“La situazione di isolamento fisico e sociale prolungato nella quale vivono i più piccoli rischia di provocare problematiche che ne possono compromettere salute e benessere – scrivono ancora i due consiglieri -, come evidenziano sempre più numerosi pediatri e psicoterapeuti. La stessa Organizzazione mondiale della sanità (Oms) raccomanda sia agli adulti che ai bambini, là dove possibile, di continuare a fare brevi passeggiate. Lo sollecita anche la ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti”.

“Dobbiamo pensare prima possibile ai diritti e alle necessità dei più piccoli – insistono Moretuzzo e Bidoli -. Si ricominci a parlare e ad occuparsi di loro anche nei provvedimenti relativi all’emergenza coronavirus”.

Sostieni Diario FVG

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Diario FVG lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Per questo Diario FVG ha ancora più bisogno di te e del tuo sostegno: basta anche un piccolo contributo per aiutarci a superare la grave crisi che ha colpito l'economia italiana e il conseguente crollo della raccolta pubblicitaria. Grazie!

PayPal
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?