Seguici su

Cronaca

Coronavirus: è iniziata la distribuzione delle mascherine alla popolazione del Fvg

La distribuzione è stata avviata in due comuni: Socchieve in Carnia e San Martino al Tagliamento nel Pordenonese

Pubblicato

on

UDINE – In queste ore è iniziata la distribuzione ai cittadini del Friuli Venezia Giulia delle mascherine prodotte da alcune aziende del territorio. A darne notizia sono il governatore Massimiliano Fedriga e il vicegovernatore con delega alla Salute e Protezione civile Riccardo Riccardi.
Le prime mascherine sono state distribuite in due comuni: Socchieve in Carnia e San Martino al Tagliamento nel Pordenonese. Quest’ultimo centro ha registrato 16 positivi da Covid-19 su mille residenti.

Sono una decina le imprese del Friuli Venezia Giulia che hanno risposto al bando pubblico della Regione e si sono attivate per produrre mascherine per la popolazione. Da domani la produzione sarà di 20 mila dispositivi al giorno. Dato che potrebbe aumentare in caso di nuove adesioni da parte delle aziende regionali.
Ogni persona avrà a disposizione due mascherine lavabili fino a 20 volte e quindi riutilizzabili per 40 giorni. Questi dispositivi, realizzati con materiale non tossico, hanno un grado di filtrazione di 5 micron per contenere le particelle salivali e ridurre la diffusione del contagio da coronavirus.

Nei prossimi giorni la Protezione civile contatterà i singoli comuni che provvederanno autonomamente e secondo le modalità più efficaci in ogni zona a consegnare le mascherine ai loro cittadini. In via prioritaria saranno coperte quelle aree dove l’epidemia si è mostrata particolarmente aggressiva.
L’obiettivo auspicato dalla Regione è quello di raggiungere la totalità delle persone. Questo sarà possibile nel caso si riuscisse ad aumentare la produzione giornaliera dei dispositivi di protezione.

Sostieni Diario FVG

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Diario FVG lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Per questo Diario FVG ha ancora più bisogno di te e del tuo sostegno: basta anche un piccolo contributo per aiutarci a superare la grave crisi che ha colpito l'economia italiana e il conseguente crollo della raccolta pubblicitaria. Grazie!

PayPal
3 Commenti

3 Comments

  1. Michele Marcolin

    Marzo 26, 2020 at 2:14 am

    Non e’ neccessario lavare la mascherina o buttarla via ad ogni uso (non siete medici in corsia). Se non frequentate luoghi troppo affollati o se voi non avete sintomi. Alla fine non andate a 10-30 centimetri di distanza da una persona, come in treno qui a Tokyo. Le mascherine durano e servono ad evitar di far uscire e depositare i propri umori fuori o di portare alla bocca, dopo aver toccato cose dall’esterno. Basterebbero le mascherine e disinfezione delle mani a frenare la diffusione del virus, altro che questa insensata quarantena di un paese intero.

    • pohl

      Marzo 26, 2020 at 7:34 am

      Qualora tu faccia parte di quella schiera di fenomeni che strombazzavano che l’influenza in Italia faceva 7000 morti all’anno, per cui il coronavirus non era niente di diverso, chiedo una sola cosa! Il fatto che il coronavirus è riuscito ad “uccidere” anche oltre 700 persone in un giorno, non ha fatto suonare un campanello nella testolina dei “minimizzatori” ad oltranza!?!?

    • Giuliano

      Marzo 26, 2020 at 3:16 pm

      Purtroppo quando un popolo è indisciplinato tocca: A mali estremi estremi rimedi.
      Anche i sto caso non siamo come a Tokyo.

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Facebook

informazioni pubblicitarie