Seguici su

Cronaca

Raccolta fondi di Confindustria a favore del reparto di anestesia e rianimazione

La presidente Mareschi Danieli: “In questi difficili momenti il nostro ruolo, che portiamo avanti con orgoglio e spirito di servizio, ci impone un maggiore sforzo”

Pubblicato

on

Ansa

UDINE – Confindustria Udine promuove una raccolta fondi a sostegno del Dipartimento di anestesia e rianimazione dell’Azienda sanitaria universitaria integrata di Udine che, in questo momento, a causa del diffondersi del coronavirus, è impegnato strenuamente per assistere le persone affette da questo virus e non solo.
Ad annunciarlo è la presidente di Confindustria Udine, Anna Mareschi Danieli, che si appella alla sensibilità degli imprenditori friulani con una comunicazione inviata a tutte le imprese associate.

“Stiamo attraversando un momento di grande difficoltà e di grande incertezza – scrive Mareschi Danieli -. Tutti siamo chiamati alla massima diligenza, al buon senso civico e al profondo rispetto gli uni per gli altri. Tutti, nessuno escluso, devono sentire questa responsabilità. Il nostro ruolo di imprenditori è quello di essere guida, garanzia e tutela per i nostri collaboratori, per le loro famiglie e per la società civile tutta. In questi difficili momenti il nostro ruolo, che portiamo avanti con orgoglio e spirito di servizio, ci impone un maggiore sforzo”.

I versamenti possono essere effettuati entro il 20 marzo 2020 nell’apposito conto corrente le cui coordinate bancarie sono le seguenti: IBAN IT 39 W 05484 12305 CC0641000278 Banca di Cividale. Intestazione: Confindustria Udine. Causale: raccolta fondi a sostegno del Dipartimento di anestesia e rianimazione di Udine.

Sostieni Diario FVG

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Diario FVG lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Per questo Diario FVG ha ancora più bisogno di te e del tuo sostegno: basta anche un piccolo contributo per aiutarci a superare la grave crisi che ha colpito l'economia italiana e il conseguente crollo della raccolta pubblicitaria. Grazie!

PayPal
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?