Seguici su

Cronaca

Coronavirus: corsie differenziate per eventuali necessità all’ospedale di Udine

Una struttura pronta ad affrontare nella massima sicurezza eventuali casi di necessità

Pubblicato

on

UDINE – Una struttura pronta ad affrontare nella massima sicurezza eventuali casi di necessità e reparti organizzati con corsie differenziate, tanto per la normale operatività, quanto per quella che si dovesse venire a creare a seguito di eventuali positività.
È questa la situazione riscontrata dal vicegovernatore della Regione con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nel corso sopralluogo effettuato questa mattina al Santa Maria della Misericordia di Udine.

Insieme al direttore del presidio ospedaliero Luca Lattuada, in prima battuta l’esponente dell’esecutivo regionale si è recato al reparto di malattie infettive, dove ha incontrato il primario Carlo Tascini, alcuni medici e operatori sanitari che operano in questo settore. Nell’occasione la Regione ha avuto modo di verificare l’operatività della struttura, dove tutto è perfettamente organizzato e pronto a fronteggiare eventuali casi positivi con i canoni della massima sicurezza.

Successivamente il vicegovernatore ha visitato il Pronto soccorso del nosocomio udinese, incontrando il direttore del reparto Mario Calci. Anche in questo caso è stata constatata la perfetta operatività del reparto e l’eventuale strutturazione che si dovesse venire a creare in caso di necessità.
Tanto al reparto di malattie infettive che al Pronto soccorso, la Regione ha trovato quindi personale preparato e pronto ad assumere specifici protocolli in caso di emergenza.

Sostieni Diario FVG

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Diario FVG lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Per questo Diario FVG ha ancora più bisogno di te e del tuo sostegno: basta anche un piccolo contributo per aiutarci a superare la grave crisi che ha colpito l'economia italiana e il conseguente crollo della raccolta pubblicitaria. Grazie!

PayPal
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?