Seguici su

Economia

Mercato auto, Fvg in discesa nel 2019: 2 mila immatricolazioni in meno

Sina (Confcommercio Auto moto e ricambi): «Domina l’incertezza»

Pubblicato

on

UDINE – Dopo che il 2018 ha interrotto il trend positivo del mercato auto in Friuli Venezia Giulia, anche il 2019 conferma la retromarcia. Da gennaio a dicembre dell’anno scorso, fa sapere il capogruppo regionale e provinciale di Udine di Confcommercio Auto moto e ricambi Giorgio Sina, si sono immatricolati 1.983 veicoli in meno dell’anno precedente (da 35.712 a 33.729). «Dati allineati a quelli di 12 mesi prima rispetto al 2017 – commenta Sina –, con un calo rilevante in particolare delle vendite ai privati e una forte immatricolazione di chilometri zero di auto con omologazione in scadenza a seguito dell’entrata in vigore di nuove normative europee».

Secondo il capogruppo, «la gente rimane confusa, non ha ben chiaro che cosa comprare, viste le voci sul diesel e la confusione sull’ibrido». Nel report di Confcommercio non manca la fotografia proprio sull’ibrido, che vede incrementare le vendite in Fvg del 49,4% (da 1.767 auto immatricolate nel 2018 a 2.640 nel 2019), mentre l’elettrico, che pure cresce (da 51 a 208) fa segnare cifre ancora insufficienti. «Credo dovrà passare almeno un quinquennio perché l’elettrico possa incidere – osserva Sina –, vista l’assenza di infrastrutture e anche di mentalità per un ragionamento diverso dal consueto. Quanto all’ibrido qualcosa si muove, ma c’è qualche incertezza dovuta al fatto che la tecnologia Plug-in ha poca autonomia, mentre il tradizionale è ottimale solo per tragitti brevi. L’offerta più interessante è dunque quella del Mild Hybrid».

Nel dettaglio dei territori, il 2019 ha fatto segnare il -5,6% in regione, con perdite a Gorizia (-11,5%), Pordenone (-6,1%), Trieste (-5,8%) e Udine (-3,9%). Nello specifico del mese di dicembre, chiuso con il -3,8% regionale, si va dal +6% di Trieste al -10,3% di Udine, con Gorizia e Pordenone stabili. Ma a gennaio 2020 ecco il segno “meno” per tutti: -13,4% Fvg, -22,3% Trieste, -17,6% Udine, -3,9% Gorizia, -2,5% Pordenone. «Un mese partito male e con perdite finali pesanti – spiega Sina –. Il consumatore deve ancora capire come andranno le cose e mostra una inevitabile titubanza negli acquisti». Un consiglio? «Nell’attesa dei riavvio delle procedure in regione degli incentivi per ibrido ed elettrico, si deve pensare a quando e a dove si guida: in città l’ibrido è ideale; se lavoro a qualche decina di chilometri di distanza bene il gpl; su percorsi più lunghi il gasolio, che inquina meno della benzina, rimane la scelta ottimale».

Sostieni Diario FVG

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Diario FVG lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Per questo Diario FVG ha ancora più bisogno di te e del tuo sostegno: basta anche un piccolo contributo per aiutarci a superare la grave crisi che ha colpito l'economia italiana e il conseguente crollo della raccolta pubblicitaria. Grazie!

PayPal
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Facebook

informazioni pubblicitarie