Seguici su

Cronaca

Comune, Net e Cafc distribuiscono 1.400 borracce ecologiche

L’obiettivo è sensibilizzare gli studenti sulla necessità di ridurre il consumo di acqua nelle bottiglie di plastica

Pubblicato

on

UDINE – L’amministrazione comunale di Udine ha approvato, nella seduta di giunta di martedì mattina, il progetto “WCHALLENGE – Acqua pura, riciclo e Natura”, finalizzato alla promozione di attività che supportino la diffusione di buone pratiche per incoraggiare atteggiamenti quotidiani in grado di rendere la città ancora più attenta, attiva e consapevole di fronte al problema dei cambiamenti climatici. L’iniziativa è stata elaborata assieme a Cafc, alla Net e alla Consulta Provinciale degli Studenti di Udine. Ed è proprio attraverso il coinvolgimento degli istituti di secondo grado presenti sul territorio cittadino che si intende avviare una sperimentazione tesa alla promozione e alla sensibilizzazione degli studenti riguardo alla necessità di ridurre il consumo di acqua nelle bottiglie di plastica nel rispetto dell’ambiente e della salute del cittadino.

Verranno a tal fine organizzati incontri formativi con esperti del settore durante i quali gli studenti potranno porre domande, esprimere le loro idee e proporre soluzioni. Alla conclusione degli incontri, ogni ragazzo riceverà una borraccia di alluminio, che vuole essere non solo un modo per un incentivare un consumo consapevole dell’acqua della nostra rete idrica ma anche uno strumento per iniziare da subito a ridurre concretamente l’utilizzo delle bottigliette di plastica. Attualmente hanno aderito al progetto nove istituti, per un totale di 1400 studenti.
“Quello del rispetto dell’ambiente – ha sottolineato il sindaco di Udine Pietro Fontanini – è uno temi che, fin dal mio insediamento a palazzo D’Aronco, maggiormente ho sentito come prioritari. Lo dimostrano, solo per fare alcuni esempi, l’introduzione del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti ‘casa per casa’ per migliorare la percentuale e soprattutto la qualità della differenziata, la bonifica di aree degradate con la creazione di boschi urbani, la realizzazione, al parco del Cormor, di una delle più vaste aree verdi cittadine in Italia. Ed è per questo che ho fatto approvare con convinzione questo progetto che vede i giovani, già attentissimi alle questioni ambientali, come i veri protagonisti. Un grazie va alla Cafc, alla Net e alla Consulta Provinciale degli Studenti di Udine per essersi fatte parte attiva di questa iniziativa che è un investimento sul futuro nei nostri ragazzi e del nostro territorio”.

Il presidente di Cafc Salvatore Benigno, ha precisato che “abbiamo il dovere di sensibilizzare i giovani verso il rispetto dell’ambiente e trasmettere loro comportamenti corretti nei confronti del bene-acqua, per essere cittadini consapevoli di quanto accade nel mondo in cui viviamo dove le risorse naturali sono in fase di esaurimento. Occorre quindi puntare ad un ambiente sempre più plastic free, con un’attenta conoscenza dell’acqua a km zero, controllata, buona . Per questo Cafc sostiene convintamente progetti con gli Istituti Scolastici alla cui base vi è la sostenibilità ambientale”. “È nel nostro Dna aziendale investire costantemente nel preparare i giovani cittadini “adulti di domani” sottolinea Massimo Fuccaro, direttore generale di Net. “Dobbiamo apparire per come siamo e per ciò che facciamo, sempre: affiancare il complesso e attuale tema della “plastica monouso” al ciclo dell’acqua è una sfida che ci appassiona soprattutto perché la affronteremo assieme agli studenti. Con questa formula innovativa metteremo in sinergia l’educazione ambientale, un corretto stile di vita e le buone pratiche quotidiane. Il Green New Deal è il nuovo paradigma che deve muovere le istituzioni, per cui è nostro dovere metterci a disposizione delle nuove generazioni – conclude Fuccaro – affinchè i concetti green non siano solo degli slogan ma vere e proprie dimostrazioni concrete.

“La consulta – ha aggiunto il presidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Udine – con questo progetto ha intenzione di dare una risposta concreta, nelle proprie possibilità, al problema dell’abuso di plastica. L’azione progettuale è volta a sensibilizzare i giovani affinché implementino comportamenti finalizzati ad un uso sempre più consapevole, razionale e responsabile delle risorse naturali. I promotori del progetto, Cafc, Comune di Udine, Consulta provinciale degli Studenti di Udine e Net, sono consapevoli che la conoscenza è una leva potente, un elemento fondamentale per affrontare il futuro, un futuro che marcia ad una velocità fantastica, proiettando la quotidianità in orizzonti lontani”.