Seguici su

Politica

L’assessore ricorda Craxi e lo equipara a Moro: l’ira dei Cinque Stelle

Gibelli ha auspicato che dopo vent’anni nel giudizio ci sia non pietas ma verità

Pubblicato

on

TRIESTE – La 127a seduta del Consiglio regionale, presieduta da Piero Mauro Zanin, si è aperta con un ricordo
dell’assessore Fvg alla Cultura, Tiziana Gibelli, della figura di Bettino Craxi nel ventesimo anniversario della morte. Richiamando i contributi di studiosi, giornalisti e politologi che, in questo anniversario, hanno scritto su quel controverso periodo storico oltre che sullo statista e leader socialista, Gibelli ha auspicato che dopo vent’anni nel giudizio ci sia non pietas ma verità.

Un gesto, quello dell’ex socialista Gibelli, che non è piaciuto ai grillini. “Non ci è piaciuto il metodo irrituale con cui l’assessore ha aperto i lavori del Consiglio – commentano gli esponenti M5S – e tantomeno la richiesta fatta. Una persona deceduta rappresenta sempre un lutto per una società e una famiglia, ma crediamo che questa commemorazione non doveva trovare spazio all’interno del Consiglio regionale. La condotta in vita di Craxi non è stata integerrima e ha causato anche danni allo Stato, di immagine ma non solo. Inaccettabile, inoltre, equiparare le vicende di Craxi a quelle di Aldo Moro”. “La non osservazione di un minuto di raccoglimento – conclude la nota del Gruppo – sottolinea come l’intervento non fosse una richiesta di commemorazione di un defunto ma un messaggio chiaramente politico. Troppo spesso l’attuale maggioranza utilizza l’Aula per attività di propaganda”.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *