Seguici su

Cronaca

Salute: in Fvg nessun allarme coronavirus

Riccardi ha confermato che, in via precauzionale, saranno rafforzati i controlli nei punti di accesso al nostro territorio: porti e aeroporto

Pubblicato

on

TRIESTE – “Nessun allarmismo sull’infezione da coronavirus partita dalla Cina: la situazione in Friuli Venezia Giulia è sotto controllo grazie a un sistema rodato, in grado di garantire sicurezza e che, con i protocolli esistenti e le attività dei dipartimenti pienamente operativi, è capace di rispondere a emergenze di questo tipo”.
Lo ha detto oggi il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, al termine della riunione di coordinamento che si è tenuta a Trieste con le strutture sanitarie per fare il punto sulle indicazioni fornite a livello nazionale dal ministero della Salute.

“Stiamo lavorando con la nostra rete di specialisti, gli infettivologi, le direzioni sanitarie, le strutture di pronto soccorso, i medici di medicina generale e della continuità assistenziale – ha spiegato il vicegovernatore – per allinearci alle disposizioni del ministero della Salute. Oltre al numero verde ‘1500’ istituito a livello nazionale, in Friuli Venezia Giulia ci si avvarrà anche del 112, il cui personale sarà affiancato da operatori sanitari pronti a verificare eventuali casi sospetti e a indirizzarli, se necessario, alle strutture preposte per eseguire test e analisi specifiche”.

Riccardi ha confermato che, in via precauzionale, saranno rafforzati i controlli nei punti di accesso al nostro territorio: porti e aeroporto. Saranno inoltre implementate le dotazioni di protezione individuale per le persone e gli operatori sanitari e i dispositivi sanitari di sicurezza nei mezzi di trasporto sanitario.

Sostieni Diario FVG

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Diario FVG lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Per questo Diario FVG ha ancora più bisogno di te e del tuo sostegno: basta anche un piccolo contributo per aiutarci a superare la grave crisi che ha colpito l'economia italiana e il conseguente crollo della raccolta pubblicitaria. Grazie!

PayPal
Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

informazioni pubblicitarie
informazioni pubblicitarie

Facebook

informazioni pubblicitarie